Una rivista dedicata ai Medici Veterinari con contenuti provenienti da tutto il mondo

Numero 27.1 GI tract

Esofagite felina

Pubblicato il 25/07/2019

Scritto da Toshihiro Watari

Disponibile anche in Français , Deutsch , Español e English

L'infiammazione dell'esofago felino è una condizione sottodiagnosticata, ma può avere conseguenze potenzialmente gravi; Toshihiro Watari discute i fattori predisponenti, i segni clinici, le modalità di imaging necessarie per la diagnosi, e le opzioni disponibili per trattare la malattia e minimizzarne la recidiva.

Esofagite felina

Punti Chiave

L’esofagite felina può essere subclinica o causare segni clinici aspecifici; si tratta probabilmente di una patologia sottodiagnosticata nella pratica clinica.


L’eziologia più comune sembra essere il reflusso gastroesofageo, che può essere aggravato da un’anestesia generale. Anche gli antibiotici a base di tetracicline hanno mostrato di causare esofagite.


Il trattamento si basa sulla terapia farmacologica per inibire la secrezione di acidi gastrici e promuovere lo svuotamento gastrico.


L’esofagite persistente o grave e le conseguenti alterazioni fibrotiche possono portare alla formazione di una stenosi esofagea. La terapia migliore per tali stenosi è la dilatazione endoscopica con catetere a palloncino.


Sei pronto ad avere accesso a più contenuti?

Chiunque lavori nel campo della Medicina Veterinaria può registrarsi al nostro sito per accedere a contenuti esclusivi.

Registrati

Sei già registrato/a? Fai Log in qui