Una rivista dedicata ai Medici Veterinari con contenuti provenienti da tutto il mondo
Veterinary Focus

Numero 2 Risorse umane

Diventa un buon collega (Parte 2)

Pubblicato il 02/02/2022

Scritto da Philippe Baralon , Antje Blättner , Pere Mercader e Mark Moran

Disponibile anche in Français , Deutsch , Español e English

Una volta accettato un posto in una struttura, dovrai imparare a gestire le persone. Inoltre, dovrai prenderti cura di te stesso per evitare il burnout. Questo capitolo ti spiega come fare.

© Shutterstock

Becoming a good colleague

Punti chiave

Anche se non gestisci il personale, devi essere consapevole delle regole di base della gestione di persone. 


Un buon equilibrio tra lavoro e vita privata evita il burnout ed è essenziale anche per i giovani Medici Veterinari. 


Come supervisionare e motivare i collaboratori 

Sia che il tuo ruolo includa o meno responsabilità diretta di altro personale, è molto probabile che a volte ti verrà chiesto di supervisionare il lavoro di altri membri del team, come i tecnici che stanno lavorando con te o nuovi arrivati, quando sarai un membro più anziano sul posto. Qualunque sia il tuo ruolo, comprendere come ottenere il meglio dagli altri ti aiuterà. 

Rispettare gli altri 

La regola più importante per qualsiasi supervisore è di “rispettare gli altri in ogni momento, qualunque sia il loro ruolo o il loro background, percependo bene come svolgono il loro ruolo. È utile ricordare che tutti coloro che lavorano in una struttura veterinaria lo fanno perché vogliono aiutare gli animali ad avere una vita migliore, e quindi sarebbe estremamente insolito per un membro del team venire al lavoro con l'intenzione deliberata di fare qualcosa di sbagliato. 

Non ci sono quindi scuse per mostrare una mancanza di rispetto per i nostri colleghi urlando o alzando la voce, comportandoci in modo intimidatorio (bullismo), chiamandoli con un nome diverso, o facendo commenti che si riferiscono al loro sesso, preferenze sessuali o credenze religiose. 

Dare feedback 
Uno dei ruoli chiave di un supervisore è quello di fornire un feedback efficace ai membri del team. Dare e ricevere feedback è una componente importante sia per migliorare le prestazioni degli individui che per identificare i miglioramenti dei processi. 

Ci sono molti modelli per dare e ricevere feedback; un metodo semplice che funziona nella maggior parte delle circostanze è “il metodo panino”. 

Dare un feedback efficace è come fare un panino. Inizi con una base di pane (lodi), poi aggiungi il ripieno, concentrandoti prima sulle tue osservazioni su ciò che vuoi rivedere, poi sulla tua percezione dell'effetto di questa azione sul problema in questione. Chiedi quindi al membro o ai membri del team idee o suggerimenti per il miglioramento richiesto, e finisci con la metà superiore del panino: un riassunto di quanto concordato e un ultimo strato di approvazione per aver accettato questo risultato (Figura 7).
Un modello semplice per dare e ricevere feedback: il metodo panino

Figura 7. Un modello semplice per dare e ricevere feedback: il metodo panino. © Shutterstock

Loda in pubblico, critica in privato

Siamo generosi con le lodi e discreti con le critiche. Se c'è un comportamento dei nostri colleghi che ci dà fastidio, dovremmo cercare di risolverlo con loro, sollevando la questione in privato (Figura 8). Il tuo capo non si fiderà né sosterrà un giovane impiegato che critica sistematicamente i suoi colleghi.

I complimenti possono essere fatti in pubblico, le critiche o i feedback negativi devono essere sempre una questione privata

Figura 8. I complimenti possono essere fatti in pubblico, le critiche o i feedback negativi devono essere sempre una questione privata. © Shutterstock

 

Il potere del “grazie”
Non c'è miglior motivatore di un semplice e tempestivo “grazie”. Più la lode è personale e specifica, più diventa potente. Quando dici “grazie”, cerca di riferirti alla cosa specifica che il tuo collega ha fatto, e perché il risultato è stato vantaggioso per te, per l’animale, per il cliente o per la struttura. Per esempio, “Rimanendo fino a tardi ieri sera, hai fatto in modo che fossimo in grado di fornire cure immediate al paziente, il che ha aumentato notevolmente le sue possibilità. Grazie!” 

Un altro modo molto efficace di esprimere un apprezzamento è quello di ripeterlo a un membro più anziano del team, verbalmente o per iscritto (e-mail o con un memo). Vedere che sei pronto a lodare un collega anche con un superiore rappresenta un ulteriore riconoscimento dei suoi sforzi e rafforza così il valore del complimento.

 

Philippe Baralon

Non c'è miglior motivatore di un semplice “grazie” al momento giusto. Più la lode è personale e specifica, più diventa potente.

Philippe Baralon

Motivare attraverso un arricchimento del luogo di lavoro
I buoni manager cercano modi per motivare il loro personale anche attraverso l'arricchimento del lavoro. Bisogna fare attenzione che un lavoro non sia “arricchito” al punto che il collaboratore non riesca più a lavorare serenamente, perché, se questo accade, diventerà rapidamente insoddisfatto. La comunicazione e il feedback continuo sono la chiave per trovare il giusto equilibrio (Box 2).
 
Box 2.

Esempi di arricchimento del lavoro 

 

  • Dare a una persona la totale gestione di un incarico
  • Dare responsabilità extra
  • Introdurre compiti nuovi e più difficili
  • Dare a una persona compiti specifici in modo che diventi un “esperto”

 

Sviluppare il personale del futuro

Strutture grandi e piccole stanno adottando un approccio più strutturato nella gestione delle prestazioni, per formalizzare il processo di sviluppo dei collaboratori all'interno dello studio. Che la tua struttura utilizzi un sistema formale o un approccio più informale, il concetto sarà lo stesso: il raggiungimento degli scopi e degli obiettivi può essere ottenuto al meglio sviluppando le persone. Numerosi studi hanno dimostrato che un approccio ben integrato alla gestione della performance mostra benefici in termini di impegno, chiarezza degli obiettivi e soddisfazione sul lavoro. 

Nella sua forma più semplice (che è spesso adatta alla maggior parte delle strutture veterinarie), il sistema di gestione delle prestazioni consisterà in 3 fasi:

 

1. Una valutazione 

Una valutazione annuale è il cuore di tutti i sistemi di valutazione delle prestazioni. Un collaboratore e il suo diretto superiore si siedono ed esaminano i progressi dell'anno trascorso, e concordano gli obiettivi di sviluppo per i successivi 12 mesi. Che sia formale o informale, la revisione annuale dovrebbe essere una parte positiva e continua dello sviluppo di tutto il personale (compreso te!).

 

2. Piano di sviluppo individuale

Il risultato chiave della valutazione è il piano di sviluppo individuale, che dovrebbe stabilire come raggiungere gli obiettivi di sviluppo identificati durante la valutazione. Una parte importante del piano è che il dipendente si assume la responsabilità del proprio sviluppo, con il supporto della struttura e del suo supervisore diretto.

 

3. Revisione regolare 

I progressi rispetto ai piani di sviluppo dovrebbero essere rivisti almeno una volta durante l'anno e, idealmente, ogni trimestre, in modo da monitorarli e aggiustarli se necessario. Il direttore dovrebbe anche rivedere il funzionamento generale del sistema di gestione delle prestazioni stesso, per garantire che tutti siano valutati al momento concordato e che le loro revisioni siano aggiornate. 

 

Come ottenere il meglio dal tuo primo lavoro 

Una volta passato l’entusiasmo al pensiero di iniziare il primo/un nuovo lavoro, vorrai riflettere su come rendere l'esperienza il più utile possibile. Incontrare un nuovo team può essere una prospettiva scoraggiante per molte persone e sarai desideroso di cercare di “inserirti”. Ecco alcuni semplici passi che puoi fare per aumentare le probabilità che la tua esperienza sia vantaggiosa sia per te che per gli altri. 

1. Comprendi i tuoi obiettivi  

Prenditi del tempo per riflettere su ciò che speri di ottenere sia professionalmente che personalmente dal tuo ruolo. Sii pronto ad essere esigente con te stesso, ma anche realistico con ciò che il lavoro può offrirti. Stabilisci non solo quello che vuoi, ma cosa dovrai fare per ottenerlo ed entro quando. Per ognuno dei tuoi obiettivi, stabilisci quale sarà il beneficio per te se lo raggiungerai (pro) e quali problemi si creeranno se non lo otterrai (contro). Osservando la differenza tra pro e contro, sarai in grado di giudicare meglio quanto sia importante per te un particolare obiettivo. 

2. Riferisciti ai tuoi obiettivi in termini pratici 

Quando stabilisci i tuoi obiettivi, prenditi del tempo per chiederti in cosa il loro raggiungimento sarà di beneficio per la struttura. Cerca di capire se i tuoi obiettivi vengono sostenuti e in che modo aiuteranno il team a raggiungere anche i propri obiettivi. Maggiore è il grado di beneficio reciproco, più è probabile che il direttore sanitario ti sostenga. Al contrario, se ti accorgi che c'è poco o nessun beneficio per la struttura, allora sarà più difficile ottenere supporto, e dovrai essere pronto a raggiungere un accordo reciprocamente vantaggioso su come procedere. 

3. Parla apertamente fin dall’inizio 

Il titolare si aspetterà che tu abbia delle ambizioni e il desiderio di migliorare le tue capacità e ti potrebbe avere fatto domande su questo aspetto fin dall’inizio. Il mancato raggiungimento delle ambizioni personali è la causa più comune per cui un buon dipendente lascia un posto di lavoro. Per questo, non dovresti aver paura di discutere apertamente i tuoi obiettivi, tenendo presente i consigli di cui sopra e cercando di lavorare per sviluppare un percorso reciprocamente vantaggioso.

4. Mantieni un dialogo continuo

Come abbiamo detto, la relazione tra titolare e collaboratore dovrebbe essere reciprocamente vantaggiosa per essere efficace per entrambe le parti, e perché questo sia possibile ci sarà spesso bisogno di un compromesso da entrambe le parti, accettando che le rispettive esigenze cambieranno nel tempo. Pertanto, è importante creare e mantenere un dialogo continuo. Infine, il collaboratore dovrebbe assumersi la responsabilità del proprio sviluppo ed essere pronto ad un ruolo proattivo in questo processo.

 

Come fare un uso efficace del tuo tempo 

Il tempo è una risorsa unica; non può essere immagazzinato, allungato, compresso o modificato in alcun modo. Dobbiamo utilizzarlo al meglio.

 

Pianifica il tuo tempo 
Si dice spesso che “Il successo è 90% preparazione e 10% sudore" (Figura 9), ovvero il tempo speso per prepararsi a fare qualcosa può essere tempo risparmiato durante l'atto concreto del fare. 
  • Inizia sempre la giornata con un programma! 
  • Fai una lista di tutto ciò che speri di fare oggi, poi organizza il tuo tempo dando un ordine di priorità alla tua lista: il compito è urgente? È importante? È sia urgente che importante? Non è né urgente né importante? 
  • Pianifica di completare la tua lista in ordine di priorità: prima i compiti che sono sia urgenti che importanti, poi i compiti che sono urgenti, e infine i compiti che sono importanti. Se un compito non è né urgente né importante, chiediti perché lo stai facendo! 
     
Dedicare più tempo alla pianificazione e alla preparazione si tradurrà in un risparmio di tempo durante l'esecuzione

Figura 9. Dedicare più tempo alla pianificazione e alla preparazione si tradurrà in un risparmio di tempo durante l'esecuzione.

Organizza il tuo tempo

Decidi cosa fare prima: 

  • Inizia con le cose semplici o rapide (per averle pronte). 
  • Raggruppa insieme compiti simili (per usare il tuo tempo in modo efficiente).
  • Passa ai compiti più grandi. 
  • Considera la possibilità di delegare parte del compito. 
  • Se il compito non è né urgente né importante: 
    - rivedi se è proprio necessario; 
    - considera la possibilità di delegarne parte o tutto ad altri

Direziona i tuoi sforzi 
Fissa obiettivi realistici per ciò che puoi raggiungere e crea delle scadenze, se questo ti aiuta a rimanere concentrato. Festeggia il tuo successo con pause o piccoli premi per incoraggiarti a completare i tuoi compiti. 

Direzionare le tue energie e i tuoi sforzi fa la differenza tra essere occupati ed essere proficui

Coordinati con gli altri

Lavoriamo come parte di una squadra, quindi coordinare i nostri sforzi è vitale. Tuttavia, il tempo che passiamo insieme deve essere giustificato dal risultato che ne deriva. Gestire il tempo insieme è fondamentale se vogliamo farne buon uso, quindi è bene stabilire delle regole per eventuali riunioni: 

  • Insistere sulla puntualità; rispettare gli altri e arrivare in orario. 
  • Stabilire un ordine del giorno chiaro, che includa un obiettivo per ogni punto
  • Mantenere l'attenzione sull'esito desiderato, non permettere distrazioni. 
  • Registrare i risultati; cosa, da chi, per quando. 
  • Rivedere e imparare – l'ultimo punto all'ordine del giorno, come avremmo potuto rendere questo incontro più efficace? 
  • Finire in orario.

Evita di prenderti “noie” 

Una “noia” è un problema che attende una soluzione. Quando ne hai una, di solito ti impedisce di fare quello che vuoi veramente fare, come quando dici: “Se solo non avessi un problema come questo da risolvere prima...allora potrei andare avanti con altro...”. Possiamo trovarci con una noia di un collega per aiutarlo: "Ecco, passami questo caso, ora vai avanti con...”. 

È fin troppo facile scoprire che abbiamo raccolto tutte le “noie” della clinica, tanto che non abbiamo tempo per fare altro o per risolvere le nostre. Evita dando ai colleghi le competenze e l'autorità per risolvere da soli il problema. In questo modo, potranno occuparsene senza il tuo aiuto se dovesse ripresentarsi. Ricorda che una “noia” è un problema che attende una soluzione, quindi cerca una soluzione, non un posto nell’armadio!
 
Controlla i miglioramenti 

Crea un registro del tempo per aiutarti a vedere come stai usando il tuo tempo. Potresti rimanere sorpreso! 

Rivedi il tuo registro per identificare le aree di miglioramento, identificando ciò che devi cambiare e come hai intenzione di farlo. 

Avvia i cambiamenti, poi, dopo un paio di settimane, rivedi i tuoi progressi. Chiediti cosa è andato bene e cosa hai potuto imparare (Figura 10). 

Cosa può essere fatto meglio? Pianificalo, inizia i cambiamenti, rivedi i tuoi progressi e chiediti “Cosa ho imparato?” Poi ricomincia con un nuovo ciclo:

 

Non possiamo gestire il tempo. Possiamo solo gestire noi stessi in relazione al tempo

Antje Blättner

Crea un “registro del tempo” che ti aiuti a vedere come stai usando il tuo tempo.

Antje Blättner

Il ciclo del miglioramento
Figura 10. Il ciclo del miglioramento. © Petr Vaclavek
Gestire il tuo tempo in relazione ai tuoi colleghi e ai tuoi clienti

Un elemento importante della gestione del tempo è il fatto che siamo parte di una squadra e quindi le nostre azioni sono spesso legate alle azioni degli altri. Il modo in cui gestiamo il nostro tempo può avere un impatto positivo o negativo sulla gestione del tempo dei nostri colleghi e viceversa. 

Riconoscere l'impatto della tua gestione del tempo sugli altri (sia colleghi che clienti) è importante per lavorare efficacemente come una squadra e fornire un servizio di alta qualità. Così, per esempio, lasciare che una visita si protragga oltre il dovuto in modo da poter ottenere un risultato positivo per quell'unico cliente può causare problemi ai molti clienti in attesa, e avere un impatto sui tuoi colleghi, ritardandone il lavoro. 

Ricorda di essere realistico 
Ogni volta che un cliente, un collega o il nostro capo ci chiede di fare qualcosa, c'è sempre la tentazione di accettare tempistiche non realizzabili per paura di causare malumore, con il possibile risultato di deludere qualcuno e farci una reputazione di inaffidabilità. Prenditi il tempo per chiedere e concordare il calendario in modo da capire urgenza e importanza del compito; sii pronto a negoziare, se necessario, per concordare un obiettivo che ti fa sentire a tuo agio. 
 
Se ti accorgi che ti viene continuamente chiesto di realizzare compiti in tempi che consideri irrealistici, allora devi discutere di questi problemi per identificare se c'è un problema di fondo nella velocità del tuo lavoro, o nella tua capacità di gestire il tempo. Ricordate, ogni Medico Veterinario ha avuto un tempo in cui è stato giovane e meno esperto, quindi, in generale, scoprirai che i tuoi colleghi più esperti sono sia comprensivi che di supporto, e possono aiutarti con idee e suggerimenti che hanno imparato dall'esperienza.

 

Come mantenere un sano equilibrio tra lavoro e vita privata 

 
La maggior parte dei Medici Veterinari è molto impegnata, a volte totalmente, nel proprio lavoro, con orari eccessivi e passando la maggior parte del proprio tempo lavorando o formandosi. Studi internazionali hanno riscontrato livelli più alti di stress e insoddisfazione lavorativa sul posto di lavoro per la professione veterinaria rispetto ad altri ruoli paragonabili, fattori che possono causare sintomi psicologici significativi (stress, ansia e depressione) e addirittura portare all'abuso di alcol e droga. È quindi una buona idea per un giovane Medico Veterinario conoscere queste preoccupazioni e mirare a stabilire un sano equilibrio tra lavoro e vita privata in base ai propri bisogni e preferenze individuali (Box 3). Una vita equilibrata mantiene sani e fiduciosi e aiuta a raggiungere i propri obiettivi. Inoltre aiuta le persone che vivono e lavorano con te, perché sarai una persona più amichevole ed equilibrata. Se riuscirai ad ottenere un rapporto solido tra vita professionale e privata, stabilirai un equilibrio che ti permetterà di affrontare le sfide quotidiane della vita¹

 
 1. JAVMA, Vol 240, No. 7, April 1, 2012 “Veterinarian satisfaction with companion animal visits“. 

 

Box 3.

Consigli pratici per mantenere un sano equilibrio tra lavoro e vita privata

  • Non dare il tuo numero di telefono e indirizzo e-mail ai proprietari
  • Non rispondere, o chiedi al cliente di contattare la clinica, se vieni contattato privatamente (alcuni proprietari sono molto creativi nell'ottenere i tuoi dati!) 
  • Evita di dare consigli o “mini consulenze” al di fuori della struttura
  • Non fornire servizi al di fuori della struttura
  • Trova un equilibrio lavoro-vita privata su misura per te e mettilo in pratica
  • Sii sensibile ai valori della vita lavorativa della tua struttura
  • Ricorda questi punti quando sarai il capo

 

1. Opera come un professionista

Il primo e più importante messaggio per un equilibrio vita-lavoro funzionante nella professione veterinaria è: mantieni una distanza professionale tra te, i tuoi clienti e il resto del team. Separa rigorosamente la vita lavorativa e la vita privata: quando sei al lavoro, sii disponibile al 100%, ma nel momento in cui esci dal tuo ambiente di lavoro, sei un privato che ha diritto al proprio tempo libero. Non lasciare che i proprietari ti contattino di persona, per telefono o attraverso i social network nel tuo tempo libero. Sii amichevole, ma coerente con il messaggio: “Ho ricevuto la sua richiesta. Al momento sono fuori servizio. Contatti la clinica per fissare un appuntamento.” Questo è importante anche quando interagisci con i tuoi colleghi. Può succedere che qualcuno cerchi di caricarti con qualcosa da fare, a volte con il pretesto che sei “così bravo” in questo lavoro o dicendoti “devo correre a casa oggi”. Potresti sentirti lusingato e importante, ma in realtà qualcuno ti sta manipolando per farti fare compiti che gli sono stati assegnati. Questo può essere difficile, soprattutto all'inizio della tua carriera, perché è bello sentirsi importanti. Tieni conto che se cadi nella trappola potresti non uscirne più e mettere in pericolo il tuo equilibrio lavoro-vita privata. È molto meglio essere coerenti, mantenendo la separazione tra lavoro e vita privata, facendo qualche piccola eccezione di tanto in tanto se si verificano situazioni straordinarie. Questo non significa non essere una persona gentile ed empatica – significa solo che dovresti stabilire e mantenere una sana distanza professionale, anche se a volte è difficile. La tua struttura condivide i tuoi valori riguardo al lavoro e al tempo libero o ti viene richiesto di essere disponibile in ogni momento? All'inizio della tua carriera, potrebbe essere comune dover lavorare in condizioni che non corrispondono al 100% ai tuoi desideri, per un determinato periodo di tempo, ma non è salutare a lungo termine e potresti dover decidere di cercare un nuovo ambiente di lavoro più adatto. 

Pere Mercader

La tua struttura condivide i tuoi valori riguardo al lavoro e al tempo libero o ti viene richiesto di essere disponibile sempre?

Pere Mercader

2. Chiarisci le tue priorità 

Per scoprire cosa è veramente importante nella vita per te, fai un elenco e scrivi tutto quello che ti piace fare, anche alcune cose che non hai ancora fatto. Puoi avere previsioni, obiettivi e persino sogni. Poi, dividi l’elenco in due parti: attività private (famiglia, sport, hobby) e attività professionali. Prova a categorizzare gli elementi da “molto importante” a “mi piacerebbe”, creando una panoramica che mostri chiaramente queste tue preferenze. Il passo successivo sarà valutare il tempo che già spendi in queste attività e quello che vorresti spendere, aggiungendo questi dati alle attività che nella tua analisi hai indicato come importanti. 

3. Piano e struttura

Una volta che hai completato il tuo elenco di attività, il passo successivo è quello di creare un piano orario equilibrato fra le tue attività private e professionali preferite durante la settimana. In questo modo, avrai abbastanza tempo per le cose che devi fare (doveri), le cose che vuoi fare (extra), così come il tempo (libero) per attività spontanee e non pianificate, altrettanto importanti e che non dovrebbero essere trascurate. Nell’equilibrio lavoro-vita privata, ci dovrebbe essere sempre un po' di spazio che ti permetta di fare qualcosa di nuovo e stimolante, oltre a un po' di tempo per non fare nulla. È una buona idea avere sott’occhio questo programma, magari integrandolo  nel calendario del tuo smartphone o laptop. In questo modo, la tua agenda ti ricorderà quando è il momento per attività (Figura 11) che vuoi fare davvero, anche quando, per esempio, stai ancora lavorando. Ricevere un promemoria ti rende più sensibile al bilanciamento lavoro e vita privata e ti avverte quando corri il rischio di sbilanciare le tue priorità.

Dovresti dedicare un tempo congruo alle tue attività private e professionali preferite

Figura 11. Dovresti dedicare un tempo congruo alle tue attività private e professionali preferite. È una buona idea preparare un piano e tenerlo sott’occhio, o anche integrarlo nel calendario sul tuo smartphone o laptop. © Shutterstock

4. Muoviti

Lavorare come Medico Veterinario è un lavoro fisicamente ed emotivamente impegnativo e spesso ci si sente esausti alla fine di una giornata di lavoro, senza poter immaginare di fare altro che rilassarsi sul divano davanti alla TV. Anche se il Medico Veterinario non è una professione sedentaria, in realtà questo non va a beneficio della forma fisica. Una ricerca ha dimostrato che praticare sport regolarmente è il modo migliore per ridurre lo stress e compensare gli effetti negativi della tensione muscolare e dello sforzo durante il lavoro (Figura 12). Non c'è bisogno di correre in palestra tutti i giorni (sarebbe comunque impossibile per un Medico Veterinario con un lavoro a tempo pieno); è stato dimostrato che una camminata veloce di circa 30-40 minuti 3-4 volte alla settimana ha un effetto rilassante ed equilibrante. Dedica regolarmente del tempo per uscire all'aria aperta e liberare la mente – è un modo favoloso per ribilanciare le priorità e per concentrarsi. 

Praticare sport regolarmente è il modo migliore per ridurre lo stress

Figura 12. Praticare sport regolarmente è il modo migliore per ridurre lo stress e compensare gli effetti negativi della tensione muscolare e dello sforzo durante il lavoro. © Shutterstock

Conclusione

Noi Medici Veterinari, tendiamo a concentrarci sull'animale e non siamo sempre predisposti a trattare con le persone. Tuttavia, la qualità delle relazioni che si crea in una struttura ti aiuterà a diventare un buon giocatore di squadra. Se seguirai i consigli di questo articolo potrai e sarai benvoluto, non solo dai cani e dai gatti che tratti, ma anche dai tuoi colleghi!

Philippe Baralon

Philippe Baralon

Il Dr. Baralon si è laureato in Medicina Veterinaria all’École Nationale Vétérinaire di Tolosa, Francia, nel 1984; ha conseguito un master in Economia Scopri di più

Antje Blättner

Antje Blättner

La Dr.ssa Blättner ha studiato a Berlino e Monaco e dopo la laurea nel 1988 ha avviato e gestito una propria struttura per piccoli animali. Scopri di più

Pere Mercader

Pere Mercader

Il Dr. Mercader ha il ruolo di consulente in gestione aziendale per le cliniche veterinarie dal 2001, e ha sviluppato questa attività in Spagna, Portogallo Scopri di più

Mark Moran

Mark Moran

Mark Moran è stato consulente per professionisti del settore Medico Veterinaria negli ultimi 19 anni, fornendo servizi di mentoring e supporto ai titolari di strutture veterinarie e al personale. Scopri di più

Altri articoli di questo numero

Numero 2 Pubblicato il 02/02/2022

Essere un buon Medico Veterinario (Parte 2)

Questa parte coprirà l'arte della comunicazione, specialmente quando hai a che fare con i proprietari di pet, perché nulla è più frustrante della mancata compliance quando si tratta un animale.

A cura di Philippe Baralon , Antje Blättner , Pere Mercader e Mark Moran