Una rivista dedicata ai Medici Veterinari con contenuti provenienti da tutto il mondo

Numero 22.3 Odontoiatria

Quale approccio… Le fratture della mascella e della mandibola nel gatto

Pubblicato il 01/04/2021

Scritto da Markus Eickhoff

Disponibile anche in Français , Deutsch , Español e English

Le fratture mascellari rappresentano il 5-7% di tutte le fratture nel gatto, e sono spesso causate da incidenti stradali o cadute dall’alto. Per molti versi, le fratture mascellari sono molto diverse da quelle di altri settori. 

. Frattura del corpo della mandibola. La freccia gialla indica la direzione di trazione dei muscoli che aprono le mascelle, mentre la freccia rossa indica quella dei muscoli che chiudono le mascelle.  Difetto della linea di frattura e allineamento inadeguato.

Punti chiave

L’obiettivo principale nel trattamento delle fratture mascellari feline è ripristinare l’occlusione funzionale.


Le fratture mascellari sono spesso una sola delle componenti nei casi politraumatici.


Occorre grande cautela per garantire che il trattamento della frattura non pregiudichi la vitalità del dente.


La valutazione delle fratture richiede una tecnica radiografica valida e può essere potenziata con l’imaging TC e RM.


Introduzione

Le fratture mascellari rappresentano il 5-7% di tutte le fratture nel gatto, e sono spesso causate da incidenti stradali o cadute dall’alto (Figura 1). Per molti versi, le fratture mascellari sono molto diverse da quelle di altri settori. In particolare, esistono differenze nelle opzioni di trattamento qualora una sezione fratturata includa uno o più denti. Preservare la vitalità del dente e garantire un’occlusione naturale sono i fattori principali durante il trattamento. Gli stessi denti possono avere un ruolo importante nel riposizionamento e nella stabilizzazione della frattura. Il rapido ripristino funzionale è il punto centrale del trattamento, essendo fondamentale per consentire al gatto un’alimentazione corretta. Tuttavia, la frattura è spesso parte di una condizione politraumatica in cui non è prioritaria la ricostruzione della mandibola, quanto piuttosto la combinazione di stabilizzazione dell’animale e trattamento dello shock. In generale, quando un gatto è coinvolto in un incidente, il proprietario lo porta immediatamente dal veterinario. È tuttavia possibile che l’animale ferito torni da solo a casa del proprietario alcuni giorni dopo il trauma, quando l’evidenza del danno acuto, in particolare una possibile frattura mascellare, può essere scomparsa. 

 

 

Figura 1. Gatto traumatizzato: si noti la malocclusione causata da una frattura prossimale sul dente canino. © Markus Eickhoff / Thieme

 

Sei pronto ad avere accesso a più contenuti?

Chiunque lavori nel campo della Medicina Veterinaria può registrarsi al nostro sito per accedere a contenuti esclusivi.

Registrati

Sei già registrato/a? Fai Log in qui