Una rivista dedicata ai Medici Veterinari con contenuti provenienti da tutto il mondo

Numero 22.3 Odontoiatria

La malattia dentale nel cane e nel gatto

Pubblicato il 13/04/2021

Scritto da Javier Collados

Disponibile anche in Français , Deutsch , Español e English

L’accertamento della malattia dentale richiede un esame orale preliminare, seguito da un esame orale definitivo in anestesia generale. Per ottenere una diagnosi accurata sono necessari strumenti dentali adatti (ad esempio specillo, sonda periodontale), oltre a eventuali test diagnostici aggiuntivi (ad esempio radiografie dentali).

 

La malattia dentale nel cane e nel gatto

Punti chiave

L’accertamento della malattia dentale richiede un esame orale preliminare, seguito da un esame orale definitivo in anestesia generale.


Per ottenere una diagnosi accurata sono necessari strumenti dentali adatti (ad esempio specillo, sonda periodontale), oltre a eventuali test diagnostici aggiuntivi (ad esempio radiografie dentali).


Le radiografie dentali, preferibili a quelle convenzionali, sono indispensabili per formulare correttamente la diagnosi.


Abrasione 

Perdita di tessuto dentale attraverso un’azione meccanica anomala determinata dalla presenza di oggetti estranei nella cavità orale (ad es. palline da tennis, pietre, sbarre di gabbie). 

  • Prevalenza: comune nel cane, rara nel gatto. 
  • Diagnosi: esame visivo e specillo dentale. 
  • Punto chiave: utilizzare uno specillo per valutare l’eventuale esposizione pulpare. Determinare se il cambiamento di colore sulla superficie occlusale del dente interessato è dovuto alla dentina terziaria (colorazione marrone) o all’esposizione pulpare (colorazione nera).
 
 

Abrasione © Javier Collados

Sei pronto ad avere accesso a più contenuti?

Chiunque lavori nel campo della Medicina Veterinaria può registrarsi al nostro sito per accedere a contenuti esclusivi.

Registrati

Sei già registrato/a? Fai Log in qui