Una rivista dedicata ai Medici Veterinari con contenuti provenienti da tutto il mondo

Numero 28.1 altro: scientifici

Prove con dieta di eliminazione: prepararsi per il successo

Pubblicato il 17/09/2020

Scritto da Vandre Clear

Disponibile anche in Français , Deutsch , Polski , Español , English e ภาษาไทย

Per molti veterinari, le comuni sfide legate alla conduzione delle prove con dieta di eliminazione includono la compliance del proprietario, gli aspetti pratici e il valore interpretativo, ma Vandre Clear offre alcune indicazioni per rendere la prova significativa, a misura di cliente e coronata da successo.

Prove con dieta di eliminazione: prepararsi per il successo

Comunicazione con il cliente

Figura 1. © Shutterstock
Figura 1. © Shutterstock

Spiegate che un animale può sviluppare un’allergia a qualsiasi tipo di proteine abbia mangiato, sia di origine animale che vegetale. Molti proprietari di pet ritengono che il loro animale non possa essere allergico al cibo “perché l’ha mangiato per tutta la vita”. Quando si conduce una prova con dieta di eliminazione, è necessario eliminare tutto ciò a cui il pet è stato precedentemente esposto (Figura 1). L’esposizione a quantità anche minime di una sostanza antigenica può causare la ricomparsa o la persistenza dei sintomi.

Affrontate i pregiudizi secondo cui i cereali causano allergie. Non aumentano il rischio di causare sintomi rispetto a qualsiasi proteina di origine animale.

Spiegate che i cereali e altre proteine di origine vegetale sono presenti negli alimenti per pet al fine di fornire fonti proteiche molto digeribili, non come riempitivi. Sebbene oggi molti produttori di alimenti per pet usino piselli o patate come proteine di origine vegetale, gli animali possono sviluppare reazioni avverse anche a queste proteine.

Preparate i vostri clienti al rigore, alle spese, alle insidie e ai benefici di una prova con dieta di eliminazione corretta.

Evitare le insidie

Ove possibile, fornite la dieta a eliminazione prescelta a tutti i pet della stessa specie che vivono in casa. Questo riduce la contaminazione crociata e l’esposizione accidentale o inosservata attraverso le ciotole del cibo e dell’acqua condivise. Inoltre, accedere ad alimenti di altri animali, leccare i piatti lasciati su tavole o ripiani, e così via, sono tutte eventualità capaci di confondere i risultati di una dieta di eliminazione.

 
Figura 2. © Shutterstock
Figura 2. © Shutterstock

La maggior parte dei proprietari di pet è scoraggiata dalla necessità di eliminare tutti i bocconcini e i giocattoli aromatizzati da masticare. Accertatevi di fornire bocconcini e/o cibo in scatola adeguati alla dieta che scegliete. Fornite alternative ai giocattoli da masticare che non siano aromatizzate e non contengano proteine di origine animale o vegetale (Figura 2).

Accertatevi di possedere solide conoscenze di base sulla nutrizione e gli ingredienti adatti ai pet. Più riuscite a spiegare bene la nutrizione dei pet ai vostri clienti, più successo avrete nella compliance. Per avere successo è imperativo che i proprietari capiscano perché state conducendo la prova con dieta di eliminazione e perché stabilite certe specifiche regole e linee guida.

Durata di una dieta di eliminazione

Una dieta di eliminazione deve durare 8 settimane e, idealmente, fino a 12 settimane 1. Nella maggior parte dei casi, si ottiene un miglioramento (cioè la riduzione del prurito e la capacità di ridurre o eliminare i medicinali aggiuntivi) entro 6-8 settimane, mentre il miglioramento massimo e la risoluzione dei segni clinici potrebbero richiedere 10-12 settimane.

 
Figura 3. © Shutterstock
Figura 3. © Shutterstock

All’inizio della dieta di eliminazione sono spesso necessari medicinali sintomatici aggiuntivi (Figura 3). Durante la prova, provate a ridurre o eliminare periodicamente questi medicinali e valutate i risultati con la sola dieta. Se c’è un miglioramento minimo o nullo con la sola dieta, e/o dopo 8 settimane sono ancora necessari medicinali sintomatici aggiuntivi, cercate altre cause per il prurito. Se è presente più di una malattia allergica che non è stata diagnosticata o controllata, i sintomi possono persistere e questo può portare a pensare che la dieta di eliminazione non abbia avuto successo.

Nei pet con una vera allergia alimentare concomitante, ci può essere la risoluzione dei segni GI anche solo a 4-6 settimane.

Cosa fare e cosa non fare

PASSARE a misure di prevenzione topiche o prodotti non aromatizzati durante la dieta di eliminazione. Le proteine contenute negli aromi sono sufficienti a provocare la ricomparsa in alcuni cani.

 
Figura 4. © Shutterstock
Figura 4. © Shutterstock

NON usare alimenti non dietetici per una prova con dieta di eliminazione! (Figura 4)

Se sapete o sospettate che il pet abbia anche allergie ambientali, NON iniziate una dieta di eliminazione nelle stagioni in cui i sintomi sono più gravi.

Accertatevi che, prima della dieta di eliminazione, il proprietario abbia rivelato completamente l’anamnesi alimentare dell’animale, compresi bocconcini, medicinali, agenti preventivi e qualsiasi cibo da tavola che il pet mangi/abbia mangiato. Se in famiglia convivono più specie, informatevi sull’accesso del pet al cibo degli altri animali. Non tutti i pet rispondono allo stesso tipo di dieta su prescrizione. Nel mondo odierno degli alimenti per pet, sta diventando sempre più difficile trovare una proteina “originale”, cioè a cui il pet non sia mai stato esposto.

Sebbene le diete a base di proteine originali idrolizzate e quelle fatte in casa con proteine mai usate prima abbiano successo nella maggior parte dei casi, può ancora capitare che talvolta un animale allergico reagisca a queste diete. Se un tipo di dieta non sembra avere successo, provate un tipo diverso e chiedete nuovamente al cliente se ci sono state precedenti esposizioni e possibili trasgressioni alle regole.

Riferimenti

  1. Olivry T, Mueller R, Prélaud P. Critically appraised topic on adverse food reactions of companion animals (1): duration of elimination diets. BMC Vet Res 2015;11:225.
Vandre Clear

Vandre Clear

La Dr.ssa Clear si è laureata in Medicina veterinaria nel 2009 alla Ohio State University. Ha completato un internato in una struttura privata specializzata in Scopri di più

Altri articoli di questo numero

Numero 28.1 Pubblicato il 03/09/2020

Le manifestazioni cutanee della malattia sistemica

Le malattie comuni si vedono spesso, ma non dobbiamo dimenticare che esistono anche le malattie rare...

A cura di Patricia D. White

Numero 28.1 Pubblicato il 27/08/2020

Caratteristiche dermatologiche della leishmaniosi canina

Sia le forme cutanee, sia quelle viscerali di leishmaniosi possono verificarsi nelle parti del mondo in cui l’artropode vettore è endemico...

A cura di Xavier Roura e Laura Ordeix