Una rivista dedicata ai Medici Veterinari con contenuti provenienti da tutto il mondo
Veterinary Focus

Numero 2 altro: management

Guarda al futuro

Pubblicato il 02/02/2022

Scritto da Philippe Baralon , Antje Blättner , Pere Mercader e Mark Moran

Disponibile anche in Français , Deutsch , Polski , Español e English

Non è mai troppo presto per pensare al futuro. Per molti giovani Medici Veterinari, la scelta di questo lavoro è principalmente il risultato di una passione per gli animali. Il concetto di “carriera” non è il loro primo pensiero, ma questa sezione spiegherà che avere un piano di carriera e vivere la propria passione possono andare in sinergia.

© Shutterstock

Looking to the future

Punti chiave

Oltre alle abilità cliniche e di comunicazione, leadership e business accumen sono essenziali per la tua carriera.


Non c'è nessun obbligo di diventare titolare di struttura o socio, puoi avere una grande carriera come collaboratore. 


Per qualsiasi sfida, fatti queste domande: sarò in grado di farlo? Sarò felice di farlo?


Molte domande sulla tua carriera troveranno risposta dopo che avrai sperimentato varie situazioni professionali.


Gestisci il tuo sviluppo professionale 

Le decisioni professionali che il giovane Medico Veterinario prenderà nei primi anni della sua carriera, come ad esempio in quale campo lavorare e come continuare la sua formazione, avranno un grande impatto economico e professionale sul suo futuro. Nel fare queste scelte, dovrebbe essere consapevole di quanto segue. 

Devi prima imparare per trarre profitto 

La Figura 1 mostra il tipico percorso di molti professionisti. I primi anni sono quelli in cui avviene la maggior crescita delle competenze. Come giovane professionista, è il momento migliore per assorbire nuove conoscenze, integrarle e farle sedimentare. Tuttavia, aumenti di guadagno si verificheranno più avanti nella carriera, quando l'esperienza accumulata, il prestigio personale e professionale e la tua rete di conoscenze nel settore permetteranno un miglior ritorno sull'investimento nello sviluppo della tua carriera personale. 
 
È quindi un errore strategico ignorare questo grafico e concentrarsi su piccoli aumenti di stipendio all'inizio della propria carriera professionale. La domanda chiave per un giovane Medico Veterinario con una visione del futuro dovrebbe essere “In quale di queste strutture o ruoli alternativi imparerò di più, in modo che tra cinque o dieci anni sarò un professionista più prezioso sul mercato?” 
 
Le differenze di introiti tra un professionista di successo e uno che non lo è sono maggiori alla fine della carriera professionale che all'inizio. Pertanto, ciò che è importante non è fare più soldi nella prima metà, ma nella seconda metà della tua carriera. È una maratona, e il corridore che vuole fare lo sprint all'inizio rischia seriamente di esaurirsi lungo la strada. 
 

 
 

Percorso di carriera tipico di molti professionisti

Figura 1. Percorso di carriera tipico di molti professionisti. 

 

Bilanciare la formazione clinica continua con le capacità organizzative e personali 

Riconoscendo che per la maggior parte dei Medici Veterinari la loro carriera potrebbe comportare la gestione di uno struttura e di un team, ci sono tre aree di conoscenza che meritano un'attenzione speciale da parte del giovane Medico Veterinario: 

1. Acquisire capacità di comunicazione. È essenziale per avere successo non solo con i proprietari ma anche con i colleghi. 

2. Acquisire capacità di leadership. È essenziale per chiunque aspiri ad essere a capo di un team in futuro. 

3. Acquisire competenze commerciali. Un buon background in finanza, strategia e marketing sarà un'eccellente aggiunta alle capacità tecniche. 

 

 

Mark Moran

Un buon background in finanza, strategia e marketing sono un'eccellente aggiunta alle capacità tecniche del Medico Veterinario.

Mark Moran

Viaggiare e imparare le lingue 

In un mondo più globale, il professionista che viaggia e padroneggia le lingue ha un vantaggio competitivo decisivo. Stare in paesi con settori veterinari più sviluppati e stabilire relazioni con professionisti di altri paesi e culture può fare la differenza tra un professionista di livello medio e uno di livello avanzato. La crescente tendenza alla specializzazione rende essenziale per ogni Medico che voglia distinguersi in una disciplina viaggiare e interagire con centri di eccellenza in qualsiasi parte del mondo (Figura 2). 

 

 

Il professionista che viaggia e padroneggia le lingue ha un vantaggio competitivo
Figura 2. Il professionista che viaggia e padroneggia le lingue ha un vantaggio competitivo. © Cybrain
 
Specializzazione, ma con buon senso 

È innegabile che la Medicina Veterinaria, come le altre scienze della salute, tenda alla specializzazione. Come abbiamo detto, come giovane Medico Veterinario devi presto scegliere se vuoi essere un buon medico generico o se vuoi seguire un percorso di specializzazione, impegnativo e complesso. La medicina veterinaria, i nostri clienti e i nostri pazienti hanno bisogno di entrambi i tipi di carriera, quindi non c'è un solo percorso per il successo professionale. Tuttavia, ciò che è chiaro è che quei giovani che decidono di puntare tutto su una specializzazione avranno bisogno di un po' di fortuna e di molta abilità nella scelta del loro campo. Dovranno decidere quali specialità pensano che si svilupperanno maggiormente nei prossimi anni e quali di queste hanno attualmente il minor numero di professionisti qualificati, fornendo così le maggiori opportunità. È una scelta difficile, che potrebbe vertere sull'oncologia, la diagnostica per immagini, la neurologia o la geriatria. 
 

Fissare obiettivi di carriera realistici 

La medicina veterinaria oggi offre un'ampia varietà di opzioni di carriera e di obiettivi associati. All’inizio di una vita professionale, non è sempre del tutto chiaro dove sta andando il viaggio e quali opzioni si presenteranno lungo la strada. Pertanto, è sempre una buona idea esaminare più di una possibilità e decidere con saggezza, senza farsi sopraffare. Pianificare e di conseguenza perseguire una carriera è qualcosa che richiede tempo, ma ne vale la pena! 
 

Fare un'analisi 

Prima di fissare gli obiettivi e iniziare a lavorare per raggiungerli, fare un'analisi scritta dei tuoi punti di forza e di debolezza è essenziale per indirizzarti verso la strada giusta e verso obiettivi realistici per il futuro (Figura 3). Esaminare le tue caratteristiche professionali e personali ti darà un solido background per le tue decisioni perché crea una panoramica trasparente e facilmente accessibile da confrontare con le descrizioni di carriera e/o di lavoro che hai in mente o che ti vengono proposte. Prenditi un po' di tempo, assicurati che niente ti interrompa e scrivi i tuoi punti di forza e di debolezza in due colonne su un pezzo di carta, così come ti vengono in mente. Permetti a te stesso di fare un “auto brainstorming” e lascia che i tuoi pensieri fluiscano facilmente. Poi fai altre due colonne, una per le caratteristiche professionali e una per quelle personali. 

 

 

Eseguire un'analisi scritta dei propri punti di forza e di debolezza è essenziale per indicarti la strada giusta e obiettivi realistici per il futuro

Figura 3. Eseguire un'analisi scritta dei propri punti di forza e di debolezza è essenziale per indicarti la strada giusta e obiettivi realistici per il futuro. © Shutterstock

Trova la tua misura 
Con punti di forza e di debolezza, ora puoi iniziare a pensare alle opzioni di carriera che ci si adattano meglio. Se sei uno studente molto preciso e ambizioso, allora potresti voler cercare tra i lavori più scientifici. Se ti piace anche l'insegnamento, allora potrebbe essere un'opzione considerare la carriera universitaria. Tuttavia, se l'apprendimento e la ricerca sono qualcosa che non si addice ai tuoi punti di forza, probabilmente non saresti molto felice in un laboratorio. 
 
Per i caratteri estroversi, che amano avere un sacco di contatti con gli esseri umani e gli animali, un lavoro in una struttura per piccoli o grandi animali è un ambiente ideale per esercitare i loro punti di forza. Per i Medici che amano la medicina dei piccoli animali, ma non sono molto interessati alla comunicazione, potrebbe essere un'opzione indirizzare la carriera verso specializzazioni come la chirurgia o la diagnostica per immagini, entrambi campi che non richiedono troppi contatti con i proprietari. Prenditi un po' di tempo e fai ricerche sui lavori disponibili e confronta le descrizioni con il tuo profilo. In questo modo, scoprirai quali opzioni sono appropriate per il tuo prossimo passo nella tua carriera professionale. 
 
Pianificare il viaggio e gli obiettivi 
Quando ti è più chiaro in quale direzione vuoi che vada la tua vita professionale, è il momento di pianificare la strada. Nella maggior parte dei casi, dovrai costruire la tua carriera in diverse fasi, acquisendo conoscenze ed esperienze man mano che vai avanti. Pianifica la tua carriera dal fondo, iniziando con il tuo obiettivo finale e salendo fino alla tua posizione attuale tappa dopo tappa. In questo modo, costruirai un percorso di carriera realistico con passi realizzabili focalizzato sul tuo obiettivo finale. 

Se avrai lavorato bene, analizzando i tuoi punti di forza e di debolezza e le diverse opzioni, allora troverai molte offerte che ti porteranno al tuo obiettivo finale. Se scopri che il tuo obiettivo finale non è ancora istituzionalizzato, potresti prenderlo come un'opportunità per inventare un nuovo servizio nell'ambito della professione veterinaria. Tutto è possibile, a condizione che tu faccia una ricerca approfondita per scoprire, in primo luogo, se il tuo nuovo servizio è effettivamente desiderato dai clienti (e non solo un'idea), e in secondo luogo, come offrire questo servizio e portarlo sul mercato. 

Investire in una struttura 

Ad un certo punto, in ogni carriera professionale, si presenterà la questione se possedere una propria struttura o diventare socio. Ognuno avrà una risposta diversa, il nostro scopo qui è quello di introdurre alcune questioni da considerare. 

Il primo punto da sottolineare è che non è “inevitabile”. Non c'è nessun “obbligo” di diventare socio o titolare di una struttura. È possibile avere una buona carriera senza prendere questa strada. Questo è particolarmente vero quando si lavora in grandi strutture come ospedali, gruppi, ecc. dove la partnership non è la norma ed è comunque possibile avere una carriera tecnica o manageriale. Tuttavia, nelle strutture più piccole, lo sviluppo della carriera spesso comporta di diventare soci o rilevare la struttura.
 
 

Philippe Baralon

Non c'è nessun “Obbligo” di diventare socio o proprietario di una struttura. È possibile avere una buona carriera senza prendere questa strada.

Philippe Baralon

È importante capire di cosa si tratta. Associarsi o rilevare una struttura non significa continuare a fare lo stesso lavoro e avere uno stipendio migliore in cambio del tuo investimento finanziario. Il tuo ruolo cambierà completamente perché assumerai il ruolo di direttore oltre al tuo attuale ruolo medico (Figura 4). Questo significa che tempo ed energie dovranno essere spesi per gestire l'attività. Questo non significa che dovrai passare il tempo a fare i conti, o il libro paga, o a pagare le fatture dei fornitori, perché questi compiti possono e devono essere delegati, ma che dovrai prendere decisioni chiave. 

La stragrande maggioranza dei titolari lavora più ore e sacrifica più tempo alla famiglia per il proprio lavoro rispetto ai collaboratori
Figura 4. La stragrande maggioranza dei titolari lavora più ore e sacrifica più tempo alla famiglia per il proprio lavoro rispetto ai collaboratori. © Shutterstock
 
 

Le decisioni commerciali più ampie includono: 

Grandi scelte strategiche: quali specializzazioni aggiungere o abbandonare, quante strutture gestire, con chi associarsi, quale attività comprare e a chi vendere? 

Gestire una squadra: reclutare, pagare, valutare, motivare, sostenere, formare e aiutare i tuoi collaboratori a crescere e, se necessario, risolvere i conflitti e lasciare andare alcune persone. 

Gestire funzioni chiave come la definizione del know-how, il miglioramento dei servizi, la definizione dei prezzi e le politiche di acquisto. 

Gestire i grandi investimenti, come le attrezzature e le strutture. 

Come puoi vedere, nessuna di queste decisioni riguarda direttamente la medicina o la chirurgia veterinaria. Infatti, se dedichi del tempo ad alcuni o a tutti questi aspetti, avrai una quantità di tempo proporzionalmente minore per la pratica della Medicina vera e propria e dovrà quindi accettare di fare un passo indietro in questo aspetto della tua carriera. 

Le due domande principali da porti riguardano quindi l'attitudine e il desiderio: “Sarò in grado di farlo?” e “Sarò felice di farlo?”. Delle due domande, la seconda è innegabilmente la più importante, poiché il modo migliore per raggiungere una buona prestazione è attraverso il desiderio, la formazione e una buona squadra a supporto. Una scelta così importante non dovrebbe essere fatta in modo predeterminato, perché è prevedibile o perché senti di non avere scelta. Anche se storicamente tutti, o quasi, i Medici Veterinari sono diventati titolari, queste erano di solito piccole strutture in termini di collaboratori, numero di clienti e quantità di investimenti. Anche se c'è ancora molta differenza da una nazione all'altra e da una struttura all'altra, le strutture sono cresciute diventando sempre più complesse. Ora possono essere possedute e gestite in minoranza da Medici Veterinari o, in alcuni casi, interamente da professionisti e investitori di altri settori. 
  
A che punto della tua carriera dovresti passare alla partnership o alla proprietà? Come abbiamo discusso prima, raramente all'inizio. Infatti, possiamo dire che è meglio essere sicuri delle proprie competenze tecniche, interpersonali e commerciali e, se possibile, aver acquisito esperienza manageriale come collaboratore prima di passare al passo successivo. Questo può richiedere 5, 10 o anche 15 anni. Non c'è una risposta standard, il momento deve essere giusto per te. 
 
Per coloro che stanno considerando di diventare imprenditori e di avere un proprio business, la seguente lista può essere utile: 

Ho chiaro che diventare titolare comporta rischi finanziari e professionali maggiori di quelli di un semplice collaboratore? 

Ho chiaro che la maggioranza dei titolari lavora più ore e sacrifica più tempo alla famiglia per il proprio lavoro rispetto ai collaboratori? 

Mi piace davvero il fatto che il mio lavoro comprenda aspetti diversi da quelli meramente clinici? In altre parole, sono interessato e pronto a dirigere collaboratori, analizzare dati, progettare piani di comunicazione e  prendere decisioni che influenzeranno direttamente il team? 

Ho già una sufficiente esperienza? 

Ho acquisito sufficiente formazione per completare le mie conoscenze cliniche con altre più legate al business? 

E per finire 

Infine, dobbiamo sottolineare che, indipendentemente dai consigli che abbiamo dato, la vita richiede spesso di “prendere” o non “perdere” opportunità che si presentano inattese e con tempistica non ideale: a quel punto, la decisione sarà interamente tua (Figura 5).

 

 

Ai vostri posti, pronti, via
Figura 5. Ai vostri posti, pronti, via! Ora la decisione è tua!  © Shutterstock
 

Conclusione

In questa Edizione Speciale Focus abbiamo cercato di fornire al giovane Medico Veterinario consigli su come ottenere il meglio dai primi anni nella professione, e di dare una guida alle prime decisioni che plasmeranno il futuro. Una laurea in Medicina Veterinaria offre molte opportunità, e dovrai prenderti il tempo necessario per considerare le opzioni, esplorare diverse possibilità, e fare scelte di carriera attente che siano, in definitiva, giuste per te. 

Philippe Baralon

Philippe Baralon

Il Dr. Baralon si è laureato in Medicina Veterinaria all’École Nationale Vétérinaire di Tolosa, Francia, nel 1984; ha conseguito un master in Economia Scopri di più

Antje Blättner

Antje Blättner

La Dr.ssa Blättner ha studiato a Berlino e Monaco e dopo la laurea nel 1988 ha avviato e gestito una propria struttura per piccoli animali. Scopri di più

Pere Mercader

Pere Mercader

Il Dr. Mercader ha il ruolo di consulente in gestione aziendale per le cliniche veterinarie dal 2001, e ha sviluppato questa attività in Spagna, Portogallo Scopri di più

Mark Moran

Mark Moran

Mark Moran è stato consulente per professionisti del settore Medico Veterinaria negli ultimi 19 anni, fornendo servizi di mentoring e supporto ai titolari di strutture veterinarie e al personale. Scopri di più

Altri articoli di questo numero

Numero 2 Pubblicato il 02/02/2022

Essere un buon Medico Veterinario (Parte 1)

“Se il tuo unico strumento è un martello, tutti i problemi sembrano chiodi”. Questa sezione sottolineerà i diversi fattori necessari per fare di te un “buon clinico” e in particolare affronterà l'arte della comunicazione

A cura di Philippe Baralon , Antje Blättner , Pere Mercader e Mark Moran