Una rivista dedicata ai Medici Veterinari con contenuti provenienti da tutto il mondo

Numero 26.1 altro: scientifici

Anestesia per il taglio cesareo nel cane

Pubblicato il 16/03/2021

Scritto da Bonnie Hay Kraus

Disponibile anche in Français , Deutsch , Español e English

L’obiettivo principale dell’anestesia nel taglio cesareo è minimizzare gli effetti fetali degli anestetici per minimizzare la depressione fetale a carico dell’apparato respiratorio, del sistema nervoso centrale e del sistema cardiovascolare, e dare alla luce cuccioli vivi e vigorosi.

Preparazione per la rianimazione neonatale

Key points

Gli obiettivi principali del taglio cesareo sono dare alla luce cuccioli vivi e vigorosi, fornendo un’analgesia adeguata alla madre.


Il taglio cesareo comporta un rischio anestetico maggiore a causa delle variazioni fisiologiche associate alla gravidanza.


La pianificazione e la preparazione sono fasi importanti in entrambi gli scenari chirurgici, di elezione e d’emergenza.


Ottimizzare la ventilazione, l’ossigenazione e la perfusione nella madre consente generalmente uno scenario del tipo “madre felice, cucciolo felice”.


La rianimazione neonatale si focalizza sulla stimolazione della respirazione, e sul sostegno dell’ossigenazione e della temperatura corporea.


I farmaci analgesici più spesso utilizzati possono essere somministrati in modo sicuro nelle mamme in allattamento senza danneggiare i neonati.


Introduzione

L’obiettivo principale dell’anestesia nel taglio cesareo è minimizzare gli effetti fetali degli anestetici per minimizzare la depressione fetale a carico dell’apparato respiratorio, del sistema nervoso centrale e del sistema cardiovascolare, e dare alla luce cuccioli vivi e vigorosi. Di pari importanza è fornire un’adeguata analgesia alla madre e prevenire le complicanze legate all’anestesia quali ipotensione, ipoventilazione, ipossiemia, emorragia e ipotermia, che aumentano la morbilità e la mortalità sia nella madre che nei cuccioli. Le proprietà fisico-chimiche che consentono ai farmaci di attraversare la barriera ematoencefalica facilitano anche l’attraversamento della placenta; quindi, bisogna partire dall’ipotesi (con pochissime eccezioni) che tutti gli anestetici, gli analgesici e i sedativi/tranquillanti attraversino la placenta. Il prolungamento del travaglio prima del parto compromette la fisiologia materna, causando depressione fetale come conseguenza di perfusione placentare ridotta, ipossiemia e acidosi. La mortalità della madre e del cucciolo è significativamente aumentata nel taglio cesareo d’emergenza, rispetto a quello di elezione 1 2. La tempistica e la preparazione sono estremamente importanti per la sopravvivenza del cucciolo, sia nel taglio cesareo di elezione che in quello d’emergenza; quindi, conoscere a fondo le variazioni fisiologiche materne e l’impatto potenziale degli anestetici è essenziale per ottimizzare gli esiti, sia per la madre che per il feto (Figura 1).

Figura 1. Mantenere adeguate la ventilazione, l’ossigenazione e la perfusione nella madre ottimizza l’esito fetale => “madre felice, cucciolo felice”. © Photo courtesy of Stephanie Kelley and Rhonda Snitker of Snitker Goldens, Waukon, IA USA

Sei pronto ad avere accesso a più contenuti?

Chiunque lavori nel campo della Medicina Veterinaria può registrarsi al nostro sito per accedere a contenuti esclusivi.

Registrati

Sei già registrato/a? Fai Log in qui