Una rivista dedicata ai Medici Veterinari con contenuti provenienti da tutto il mondo
Veterinary Focus

Numero 31.3

Disbiosi del microbioma canino

Pubblicato il 29/06/2022

Scritto da Jan Suchodolski

Disponibile anche in Français , Deutsch , Español e English

È sempre più evidente che la disfunzione del microbioma intestinale può essere alla base di molti disturbi gastrointestinali; questo articolo discute la diagnosi e le alternative terapeutiche nei casi di disbiosi.

Molti Medici Veterinari inviano regolarmente un campione fecale per coltura in caso di cane con diarrea, ma questo non è utile per la valutazione del microbioma

Punti chiave

Il microbioma intestinale è un organo metabolico che ha un impatto importante sulla salute dell’ospite.


La disbiosi è un marcatore precoce di anomalie dell’ambiente intestinale, ed è necessario trattare la malattia sottostante per ottenere una risoluzione a lungo termine.


La modifica dell’alimentazione è in prima linea nella disbiosi associata a enteropatie croniche, poiché spesso è clinicamente efficace e produce effetti indesiderati minimi.


Il trapianto di microbiota fecale (FMT) è un potenziale trattamento emergente per la disbiosi, ma il suo uso nel cane è ancora nella fase sperimentale.


Introduzione

Il microbioma intestinale è il nome dato all’insieme del genoma di tutti i microbi (cioè batteri, virus, funghi e protozoi) nel tratto gastrointestinale (GI), in cui i batteri sono la componente più abbondante. Il microbioma può essere visto sia come componente del sistema immunitario sia come entità metabolica, poiché i batteri producono metaboliti che interessano il tratto GI e anche altri organi. Disbiosi è il nome dato alle alterazioni che si verificano nel microbioma durante una patologia, e comprende ridotta diversità del microbioma (cioè, numero dei vari batteri), alterazioni nella quantità di batteri, e alterazioni funzionali (ad es. variazioni nella produzione dei metaboliti di origine batterica). La disbiosi è spesso secondaria a patologie intestinali sottostanti e contribuisce ai segni clinici in alcuni pazienti 1; per questo motivo è un marcatore aggiuntivo in corso di patologie intestinali e dev’essere valutato insieme all’anamnesi e alla presentazione clinica del paziente. La terapia per la disbiosi deve puntare ad affrontare la patologia sottostante, e la modifica dell’alimentazione è in prima linea nel supporto in queste circostanze.

Funzione del microbioma 

I batteri producono direttamente (vitamine), oppure convertono i nutrienti (fibre, proteine, grassi) o altre sostanze (es. acidi biliari) in metaboliti di origine batterica, per cui il microbiota esercita molti effetti benefici sull’ospite. Importanti metaboliti includono acidi grassi a catena corta (SCFA), indoli e acidi biliari secondari; questi hanno vari effetti, tra cui azioni antinfiammatorie, modulazione della motilità intestinale, inibizione degli enteropatogeni, miglioramento della funzione di barriera intestinale, e aumento della produzione di mucina 2. La disbiosi, spesso secondaria a vari fattori luminali (Riquadro 1), altera la funzione del microbiota, contribuendo di conseguenza ai segni clinici 1. Di particolare interesse per la regolazione del microbiota sono gli acidi biliari (AB) intestinali. In breve, gli AB primari (acidi colico e acido chenodesossicolico) vengono rilasciati nell’intestino tenue dopo un pasto per favorire la digestione dei grassi. Fino al 95% degli AB viene riassorbito nell’ileo ad opera della circolazione enteroepatica 3, mentre il resto raggiunge il colon dove viene convertito dai batteri (principalmente Clostridium hiranonis, nel cane e nel gatto) in AB secondari 4. Questa conversione ha importanti conseguenze sulla salute, poiché AB secondari, nella giusta quantità, hanno effetti benefici. Agiscono come agonisti per vari recettori distribuiti su vari organi, inducendo effetti antinfiammatori e ipoglicemizzanti, e soppressione degli enteropatogeni 5.

Riquadro 1. Condizioni e fattori associati a disbiosi intestinale.

  • Insufficienza pancreatica esocrina (EPI), con conseguente presenza di cibo indigerito nel lume intestinale
  • Enteropatie croniche, dove l’infiammazione intestinale favorisce condizioni di aerobiosi e variazioni nel pH mucosale
  • Antibiotici ad ampio spettro (es. tilosina, metronidazolo), che riducono i livelli normali dei batteri anaerobi intestinali
  • Farmaci acido-soppressori, che riducono la produzione di acido gastrico
  • Anomalie anatomiche
  • Disturbi della motilità

 

Valutazione del microbioma

Esistono varie alternative per valutare il microbioma di un cane, alcune più efficaci di altre. 

Coltura batterica

Sebbene sia ancora utilizzata da molti Medici Veterinari per la diagnosi della disbiosi, la coltura batterica fecale è inutile per la valutazione del microbioma, poiché i batteri intestinali sono quasi tutti anaerobi stretti che richiedono terreni di crescita speciali (Figura 1). Di conseguenza, solo una piccola percentuale di specie batteriche può essere messa in coltura dai laboratori diagnostici. In un recente studio, aliquote fecali di cani sani e cani con diarrea cronica sono state inviate a tre laboratori veterinari di riferimento per valutazione della disbiosi 6. Non c’è stato accordo nei risultati colturali tra un laboratorio e l’altro, e in realtà la disbiosi è stata segnalata più spesso nel gruppo dei cani sani. Questo studio dimostra che la coltura batterica non va utilizzata nella valutazione del microbiota in cani con diarrea cronica, ad eccezione di specifici patogeni come ad esempio Salmonella spp. 

Molti Medici Veterinari inviano regolarmente un campione fecale per coltura in caso di cane con diarrea, ma questo non è utile per la valutazione del microbioma

Figura 1. Molti Medici Veterinari inviano regolarmente un campione fecale per coltura in caso di cane con diarrea, ma questo non è utile per la valutazione del microbioma, poiché i batteri intestinali sono quasi tutti anaerobi stretti che richiedono terreni di crescita speciali, e il test fornirà solo informazioni limitate (e talvolta fuorvianti).
Crediti: Shutterstock

Sequenziamento molecolare dei geni dell’rRNA 16S

Le tecniche molecolari basate sul sequenziamento dei geni dell’rRNA 16S danno informazioni complete sulla composizione microbica di un campione fecale, e vengono utilizzate in contesti sperimentali. Diverse aziende offrono il sequenziamento per la valutazione commerciale del microbioma dei singoli animali, ma non esistono attualmente metodi standardizzati (ad es. estrazione del DNA, primer per PCR) tra questi laboratori. Poiché non sono definiti intervalli di riferimento per gli animali, e che ogni azienda fornisce una diversa refertazione, l’interpretazione dei risultati è difficile. Inoltre, è comune la variazione tra i vari assay, per lo più non validati; per questo motivo, la valutazione del microbioma basata sul sequenziamento non è attualmente raccomandata per i singoli pazienti.

Indice di disbiosi (ID) del microbiota canino

L’indice di disbiosi (ID) è un test quantitativo basato su PCR attualmente disponibile in commercio in Nord America ed Europa e viene utilizzato in molti studi clinici 4,7 dato che è l’unico dosaggio validato per valutare la disbiosi del microbioma canino*. L’ID misura i livelli di sette batteri intestinali (Riquadro 2) che sono spesso alterati in cani con enteropatie croniche (EC) o dopo l’uso di antibiotici ad ampio spettro (es. tilosina, metronidazolo) 8,9. Il dosaggio fornisce intervalli di riferimento per questi gruppi batterici, e combina i dati in un singolo numero che esprime l’entità della disbiosi (Figura 2); un ID compreso tra 0 e 2 rappresenta uno scostamento moderato nel microbiota, mentre un ID > 2 indica uno scostamento importante. Il Riquadro 3 illustra la sensibilità e la specificità del metodo.

* https://tx.ag/DysbiosisGI

Riquadro 2. I sette gruppi batterici inclusi nell’indice di disbiosi canina e le variazioni dei loro livelli nella disbiosi.

Gruppo batterico Modifica nella disbiosi
Faecalibacterium spp.
Turicibacter spp.
Blautia spp.
Fusobacterium spp.
C. hiranonis
Streptococcus spp.
E. coli

 

Riquadro 3. sensibilità e specificità dell’indice di disbiosi (ID) per le enteropatie croniche; un ID pari a 0-2 rappresenta uno scostamento moderato nel microbiota, mentre un valore superiore a 2 indica uno scostamento importante.

Indice di disbiosi Sensibilità IC (95%) Specificità IC (95%)
-1 0,82 0,73-0,88 0,91 0,84-0,96
0 0,74 0,65-0,82 0,95 0,89-0,98
2 0,63
0,53-0,72
1 0,96-1,00

 

Valutando la concentrazione di C. hiranonis, l’ID prevede anche la capacità del microbiota intestinale di convertire AB primari in AB secondari 4. Quantità normali di acidi biliari secondari hanno effetto antimicrobico e sopprimono potenziali enteropatogeni come ad esempio C. difficile, C. perfringens ed E. coli 10; quindi, una combinazione di livelli ridotti di C. hiranonis e minor conversione degli acidi biliari è fortemente associata a disbiosi intestinale e a iperproliferazione di enteropatogeni nel cane (Figura 2) 4,7,8,11. L’identificazione di alcuni o di tutti questi enteropatogeni in un cane con diarrea suggerisce iperproliferazione dovuta a disbiosi sottostante secondaria a un’enteropatia cronica, e non un’infezione primaria. Fino al 60% dei cani con enteropatia cronica (EC) ha livelli ridotti di C. hiranonis e, di conseguenza, una diminuzione di AB secondari 12.

Il grafico mostra la differenza nell’indice di disbiosi (ID) in una coorte di cani con EC rispetto a cani normali

Figura 2. Il grafico mostra la differenza nell’indice di disbiosi (ID) in una coorte di cani con EC rispetto a cani normali 7. Più alto è l’ID, più anomalo è il microbioma; un ID > 2 ha un’elevata specificità per le anomalie del microbioma, mentre valori compresi tra 0 e 2 sono dubbi. Un ID più elevato è generalmente caratterizzato da minore diversità e presenza di più taxa batterici fuori dagli intervalli di riferimento; qui i diversi colori indicano il numero di taxa batterici fuori dall’intervallo di riferimento (nero 0, blu 1, viola 2, arancione 3, rosso > 3). Tuttavia, alcuni cani hanno tutti i taxa all’interno degli intervalli di riferimento, ma ID aumentato a causa di scostamenti anomali entro gli intervalli di riferimento (punti neri) (sinistra).

I dati delle stesse due coorti illustrano come i livelli di C. hiranonis abbiano un effetto importante sul microbioma. I campioni in rosso indicano livelli ridotti del batterio e quindi una ridotta conversione degli acidi biliari intestinali primari in secondari, con conseguente scostamento anomalo nel microbioma (destra). 

Il microbioma in corso di patologia 

La Tabella 1 riassume i vari modi in cui i batteri intestinali possono contribuire al processo patologico, anche se le patologie sottostanti varieranno tra i singoli pazienti a seconda della localizzazione e della gravità del danno intestinale. Il microbiota è in contatto con lo strato mucoso dell’intestino, il sistema immunitario, e i substrati luminali, quindi qualsiasi cambiamento in uno o più di questi ambienti influenzerà la composizione del microbiota; per questa ragione, la disbiosi è spesso un marcatore precoce di anomalie dell’ambiente intestinale in corso di patologia (Figura 3). 

Tabella 1. Meccanismi attraverso cui i batteri contribuiscono ai disturbi gastrointestinali.

Principali tipi di disbiosi Possibili conseguenze
Anomalia del substrato (es. nutrienti indigeriti, medicinali) nel lume intestinale Aumento nei metaboliti batterici con conseguente diarrea
Disfunzione del microbiota dovuta alla perdita di batteri commensali (ad es. C. hiranonis)
Ridotta conversione degli acidi biliari primari in secondari con conseguente iperproliferazione di enteropatogeni
Mancanza di metaboliti antinfiammatori 
Aumento della carica batterica totale nell’intestino tenue
Aumento dei metaboliti microbici, con conseguente diarrea
Aumento della risposta immunitaria infiammatoria 
Aumento dei batteri aderenti alla mucosa Aumento della risposta immunitaria infiammatoria

 

Nei pazienti con insufficienza pancreatica esocrina (EPI) 13, o in animali giovani, a causa del sistema immunitario immaturo, un trattamento con antibiotici ad ampio spettro 8,9 è spesso seguito da disbiosi, limitata principalmente al lume intestinale. Le enteropatie croniche sono accompagnate da infiammazione e distruzione della mucosa e della sua struttura, che determina quantità maggiori di ossigeno sulla superficie mucosale, aumento dei batteri aerobi (E. coli), e riduzione della flora anaerobica normale. La perdita dell’architettura mucosale che si sviluppa in corso di enteropatia cronica si traduce in una riduzione dei trasportatori per carboidrati, aminoacidi, acidi grassi e acidi biliari, con conseguente malassorbimento di questi composti 14. Quantità aumentate di questi composti nel lume GI possono causare direttamente diarrea osmotica o secretoria, nonché iperproliferazione batterica.

A causa della degradazione dello strato mucoso che ricopre l’epitelio, i cani con EC hanno spesso quantità maggiori di batteri aderenti alla mucosa 15. Ciò è collegato alla riduzione di C. hiranonis e quindi ad anomalie nella conversione degli acidi biliari, consentendo un’iperproliferazione secondaria di C. difficile e C. perfringens che può aumentare le risposte proinfiammatorie dell’ospite.

Il tratto intestinale normale e patologico

Figura 3. Il tratto intestinale normale e patologico. Un intestino sano (a) è caratterizzato da un microbioma equilibrato, con uno strato mucoso che separa i batteri luminali dalle cellule epiteliali, una barriera composta di cellule epiteliale ben unite fra loro, e un sistema immunitario equilibrato. In corso di enteropatia cronica (b) possono verificarsi vari cambiamenti, ognuno dei quali può contribuire potenzialmente ai segni clinici, ed è per questo che la terapia deve essere multimodale. I cambiamenti includono: 

  • Disbiosi; 
  • Perdita di muco, che consente ai batteri luminali di agganciarsi alle cellule epiteliali, stimolando la produzione di citochine proinfiammatorie;
  • Degradazione della barriera epiteliale, con conseguente traslocazione di antigeni alimentari e batterici, che attivano anche il sistema immunitario; 
  • Perdita di trasportatori nell’orletto a spazzola, con conseguente malassorbimento di composti alimentari, che può consentire l’iperproliferazione batterica. 
Jan S. Suchodolski

La modulazione dietetica è in prima linea nel contrastare i disturbi intestinali, poiché non ha alcun impatto negativo sul microbiota intestinale.

Jan S. Suchodolski

Approccio diagnostico alla disbiosi

Poiché la disbiosi si sviluppa spesso secondariamente ad alterazioni dell’ambiente intestinale in corso di patologie e/o modifiche dei fattori ambientali, deve essere valutata insieme all’anamnesi farmacologica del paziente e alla presentazione clinica. L’interpretazione del risultato dell’ID dovrebbe essere accompagnata dalla valutazione dei livelli dei singoli taxa batterici, e in particolare di C. hiranonis, poiché la riduzione di quest’ultimo è una delle cause principali di anomalie del microbioma. Un ID superiore a 2 indica disbiosi con elevata specificità, mentre un ID nell’intervallo dubbio indica uno scostamento minore nel microbioma fecale. Alcuni cani con EC possono avere un ID < 0 ma presentare alcuni taxa batterici esterni agli intervalli di riferimento, e questo rappresenta una forma minore di disbiosi. In generale, un ID anomalo suggerisce una patologia intestinale sottostante, e sono quindi indicati accertamenti diagnostici per l’EC.

Alcuni farmaci possono influenzare l’ID. Ad esempio, l’omeprazolo può causare un aumento transitorio, ma con livelli normali, di C. hiranonis, e l’ID si normalizza 1-2 settimane dopo la fine della terapia. Gli antibiotici ad ampio spettro (es. metronidazolo e tilosina) possono indurre disbiosi fecale grave (Figura 4); tuttavia, anche in questo caso, nella maggior parte dei cani, il microbiota si normalizza generalmente entro 2-4 settimane dopo la fine della somministrazione, sebbene alcuni soggetti possano avere disbiosi persistente con mancanza di C. hiranonis per diversi mesi 8,11.

ffetto della transizione alimentare e del metronidazolo sul microbioma intestinale in cani sani

Figura 4. Effetto della transizione alimentare e del metronidazolo sul microbioma intestinale in cani sani (da 8). Un alimento a base di proteine idrolizzate (fornita nelle Settimane 0-6) ha solo effetti minori sul microbiota intestinale, mentre il metronidazolo (somministrato nelle Settimane 7 e 8) induce una disbiosi significativa, con alcuni cani che mantengono una composizione anomala del microbioma dopo l’interruzione del farmaco (Settimane 10-12). Quindi, la modifica dell’alimentazione è la scelta di prima linea in corso di malattia intestinale, poiché non ha alcun impatto negativo sul microbiota, soprattutto se confrontata con il metronidazolo.

Le variazioni nella composizione del microbiota nell’intestino tenue causano spesso alterazioni rilevabili nel microbioma fecale come valutato dall’ID. Tuttavia, in alcuni pazienti, l’aumento di batteri nell’intestino tenue possono causare patologia. La disbiosi a livello dell’intestino tenue è suggestiva se le concentrazioni sieriche di folato sono aumentate e la cobalamina sierica è diminuita, ma entrambi i marcatori hanno bassa sensibilità e specificità.

Terapia per la disbiosi 

Spesso, la disbiosi è semplicemente una componente della patologia intestinale, e richiede un approccio multimodale alla causa sottostante. In alcuni casi, come ad esempio negli animali con EPI, l’integrazione con enzimi pancreatici migliora i segni clinici, e il microbioma intestinale spesso si normalizza dopo diverse settimane 13; invece, i cani con EC non hanno marcatori capaci di prevedere quale sia il trattamento migliore per il singolo paziente, cosa che richiede spesso trattamenti ex-juvantibus graduali 16. Le terapie per la disbiosi comprendono la modulazione dietetica, i prebiotici e i probiotici, gli antimicrobici, e il trapianto di microbiota fecale (FMT), dove ogni approccio affronta un meccanismo diverso (Tabella 2); una combinazione di trattamenti offre spesso il successo maggiore. 

Tabella 2. Opzioni terapeutiche per la disbiosi. 

Trattamento Probabile meccanismo Possibili effetti indesiderati  
Modifiche alimentari
  • L’elevata digeribilità riduce il substrato residuo disponibile per l’iperproliferazione batterica 
  • Le diete a eliminazione (con ingredienti nuovi o idrolizzati) rimuovono gli antigeni alimentari se la malattia sottostante è immunomediata
  • Nessuna (se non è presente sensibilità alimentare)
Prebiotici/fibre
  • Crescita di batteri benefici
  • Prebiotico convertito in SCFA
  • Le fibre legano i metaboliti batterici dannosi 
  • Le fibre solubili/fermentescibili possono causare inizialmente flatulenza e diarrea 
Probiotici
  • Possono migliorare la funzione barriera
  • Gli effetti indesiderati sono rari, ma spesso non è chiaro quale paziente trarrebbe maggior beneficio da quale ceppo
AntiAntibioticiiotics
  • Riduzione della carica batterica totale e/o dei batteri adesi alla mucosa
  • Modifiche del microbiota a lungo termine 
  • Ricrescita della carica batterica dopo l’interruzione del farmaco
  • Aumento della resistenza antibiotica
Trapianto di microbiota fecale (FMT)
  • Altera il microbiota luminale
  • L’efficacia dipende dalla patologia sottostante, ma gli effetti indesiderati sono rari 
  • Effetto minore sui batteri aderenti alla mucosa
  • Recidiva della disbiosi quando è ancora presente infiammazione concomitante

 

Le modifiche dell’alimentazione dovrebbero essere sempre la prima scelta in pazienti stabili. Vari studi hanno dimostrato che il 50-70% dei cani con EC risponde alla modifica dell’alimentazione 16, e che gli alimenti usati più spesso sono quelli molto digeribili contenenti proteine idrolizzate o nuove fonti proteiche. La maggior parte di questi alimenti sono ipoallergenici e riducono la presenza di elementi indigeriti nel lume gastrico e intestinale, diminuendo così il rischio di iperproliferazione batterica. Nella maggior parte dei casi di enteropatia responsiva all’alimento, il solo cambiamento alimentare è sufficiente per ottenere la remissione clinica, migliorando gradualmente l’infiammazione intestinale e la disbiosi nell’arco di diversi mesi 10,17

I probiotici possono essere somministrati da soli nei casi lievi, oppure insieme alla modifica dell’alimento. Poiché il numero di batteri in qualsiasi probiotico è limitato rispetto al microbiota intestinale esistente, l’impatto diretto sulla composizione del microbiota è basso. Tuttavia, questi batteri si fissano alla mucosa e possono esercitare effetti benefici, tra cui ridurre la durata della diarrea acuta e degli effetti indesiderati associati agli antibiotici, come vomito o diarrea 18. È stato dimostrato che i probiotici multi-ceppo ad alta potenza riducono la presenza di C. perfringens in cani con diarrea emorragica acuta 19 e rafforzano la barriera intestinale in cani con EC 20. Tuttavia, poiché molti prodotti commerciali non sono sottoposti a controlli di qualità adeguati, è importante scegliere una preparazione che abbia dimostrato la propria efficacia in studi clinici pubblicati. 

I prebiotici sono carboidrati indigeribili che promuovono la crescita di microrganismi benefici e possono essere suddivisi in fibre solubili/insolubili e fibre fermentescibili/non fermentescibili. Le fibre fermentescibili vengono convertite in acidi grassi a corta catena (SCFA) dai batteri del colon. La maggior parte degli alimenti commerciali formulati per la gestione dei disturbi gastrointestinali contiene prebiotici, ma per alcune patologie (come la colite) possono essere utili alimenti ad alto contenuto di fibra. La presenza di buccia di psillium, una fibra solubile, nel quantitativo di 0,5-1 g/kg di peso corporeo al giorno, può migliorare la qualità fecale in animali con patologie dell’intestino crasso. Lo psillium deve essere introdotto alla dose inferiore, e titolato fino a ottenere la consistenza fecale desiderata. 

Antibiotici come tilosina o metronidazolo sono stati tradizionalmente raccomandati nel trattamento dell’EC, ma il loro uso di prima linea è attualmente controverso 16. Sebbene possano migliorare i segni clinici, presumibilmente attraverso la riduzione della carica batterica, portano spesso a recidiva dopo il trattamento non appena i batteri proliferano di nuovo, poiché è raro che gli antibiotici risolvano il processo patologico sottostante 15,21,22. Le opzioni spesso utilizzate includono il metronidazolo (10-15 mg/kg ogni 12 ore) e la tilosina (25 mg/kg ogni 12 ore) per 4-6 settimane; tuttavia, come notato sopra, entrambi i farmaci hanno dimostrato di indurre disbiosi dell’intestino crasso, che può talvolta durare mesi 8,9,11. Studi segnalano che il metronidazolo promuove disbiosi duratura in cani con diarrea acuta 11, mentre l’associazione amoxicillina-acido clavulanico può favorire un aumento di E. coli resistent 23. Per vari motivi, gli antibiotici non sono generalmente raccomandati come trattamento di prima linea nell’EC: solo il 10-16% dei cani con EC risponde agli antibiotici, la maggior parte dei casi recidiva dopo l’interruzione del trattamento, e i farmaci hanno effetti negativi sul microbioma. Tuttavia, la terapia antibiotica dovrebbe essere considerata dopo l’insuccesso delle prove con antinfiammatori, o nei pazienti con segni di infiammazione sistemica 16, come in caso di invasione e persistenza di batteri nella mucosa intestinale (ad es. colite granulomatosa associata a E. Coli). È possibile che un piccolo sottogruppo di cani con EC non risponda ad alcun altro trattamento, e in questo caso può essere necessaria una somministrazione a lungo termine a dosaggio ridotto al minimo livello efficace.

In alcuni casi di disbiosi, il trapianto di microbiota fecale (FMT) può aiutare a ripristinare il microbiota normale e migliorare i segni clinici 11. La tecnica comporta il trasferimento delle feci da un donatore sano all’intestino di un ricevente tramite l’uso di capsule orali, strumenti endoscopici o un clistere (Figure 5 e 6). Nell’uomo, l’FMT ha un tasso di successo elevato (> 90%) nell’infezione ricorrente da C. difficile infettivo, ma il successo è più limitato nella malattia intestinale infiammatoria, a causa dell’infiammazione intestinale cronica sottostante.

Preparazione di un campione per il trapianto di microbiota fecale

Figura 5. Preparazione di un campione per il trapianto di microbiota fecale (FMT), con le feci del cane donatore miscelate con soluzione fisiologica. 
Crediti: Ewan McNeill

Si procede somministrando il materiale fecale al cane ricevente sotto forma di clistere, usando un catetere e una siringa

Figura 6. Si procede somministrando il materiale fecale al cane ricevente sotto forma di clistere, usando un catetere e una siringa.
Crediti: Ewan McNeill

Negli animali l’FMT è ancora una terapia emergente. Il Riquadro 4 mostra un semplice protocollo, ma finora sono state segnalate solo casistiche limitate, dove il successo dipendeva apparentemente dalla patologia sottostante 24. Questa tecnica aiuta a ripristinare il metabolismo degli acidi biliari promuovendo i livelli di C. hiranonis (Figura 7), quindi può essere utile in cani con anomalie nella conversione degli AB e iperproliferazione associata di enteropatogeni, come C. difficile o C. perfringens, e/o negli animali con disbiosi indotta dagli antibiotici e un minor danno sottostante della mucosa intestinale. È stato inoltre dimostrato che migliora i punteggi fecali nei casi di diarrea acuta, quando utilizzato in aggiunta alla terapia antimicrobica standard in cuccioli con infezione da parvovirus, e in cani giovani con diarrea cronica dovuta a infezione confermata da C. difficile 25.

Riquadro 4. Protocollo per l’FMT tramite clistere (basato su 24).

Il donatore deve essere sano, senza alcuna anamnesi di patologie gastrointestinali o assunzione recente di antibiotici, e non deve presentare segni di patologie sistemiche. Le feci del donatore vanno sottoposte a screening per parassiti ed enteropatogeni, e devono essere previamente valutate usando l’ID (perché alcuni cani clinicamente sani sono carenti di C. hiranonis, che è indispensabile per convertire correttamente gli AB).

Conservazione: le feci possono essere usate fresche o conservate a 4 °C fino a una settimana in sacchetti di plastica. Quando le feci devono essere congelate per tempi maggiori, una miscelazione con glicerolo prima del congelamento preserva i batteri (10 grammi di feci con 35 mL di soluzione fisiologica e 5 mL di glicerolo, congelati in aliquote da 50 mL). 
Materiale occorrente: NaCl 0,9%, catetere in gomma rossa da 12 o 14 Fr, siringhe con raccordo per catetere da 60 mL, frullatore, feci del donatore, lubrificante non batteriostatico.
  1. Calcolare la quantità di feci necessaria, circa 5 grammi per kg di peso corporeo 
  2. Aggiungere circa 60 mL di NaCl allo 0,9% in un frullatore, quindi aggiungere feci fresche o congelate e miscelare ad alta velocità finché le feci non si sono liquefatte e non si vedono più frammenti voluminosi. Per ottenere feci abbastanza liquide per i cani di taglia grande, potrebbe servire un volume maggiore di soluzione fisiologica.
  3. Prelevare il materiale miscelato con una siringa e collegare il catetere in gomma. Premere lo stantuffo della siringa finché sulla punta del catetere non appare il materiale fecale: questo assicura che non venga introdotta aria nel colon del ricevente.
  4. Inserire a fondo il catetere nel colon, quindi effettuare il clistere. Non è richiesta la sedazione nel cane ricevente.
  5. Dopo la procedura, se possibile, lasciare a digiuno il ricevente per 4-6 ore e limitare l’attività fisica, per ridurre il rischio di peristalsi intestinale prematura.

Nei cani con EC, la disbiosi è spesso un effetto secondario dell’infiammazione intestinale e del danno strutturale, e la mancata eradicazione della patologia sottostante comporta la recidiva della disbiosi e dei segni clinici. L’FMT ha quindi un tasso di successo molto variabile nell’EC, e rapporti aneddotici suggeriscono che molti cani con EC avranno punteggi fecali migliorati entro 2-3 giorni dal trattamento, ma recidiveranno e svilupperanno diarrea ricorrente poche settimane dopo. Pertanto, in questi pazienti è necessario modificare l’alimentazione e impostare un’adeguata terapia antinfiammatoria (vedere sopra); l’FMT può essere considerato come trattamento adiuvante nei pazienti che mostrano una risposta subottimale (ad es. feci molli continue) nonostante le terapie standard.

L’effetto del trapianto di microbiota fecale (FMT)

Figura 7. L’effetto del trapianto di microbiota fecale (FMT) sul microbioma intestinale può essere osservato in questi due grafici che mostrano l’indice di disbiosi (a) e i livelli di C. hiranonis (b) in un cane con EC che non rispondeva agli altri trattamenti standard. Dopo FMT, l’ID e il titolo di C. hiranonis, batterio convertitore di acidi biliari, si sono normalizzati, e la qualità fecale è migliorata entro 2 giorni. Circa 45 giorni dopo l’FMT, la qualità fecale è nuovamente peggiorata e l’ID è aumentato, per cui è stato eseguito un secondo FMT seguito da miglioramento della qualità fecale. Dato che in molti cani con EC il danno strutturale sottostante rimane, la disbiosi spesso recidiva e richiede procedure ripetute. 

Conclusione

Il microbioma intestinale svolge un ruolo cruciale nella salute dell’ospite e molti animali con patologie gastrointestinali finiscono per sviluppare disbiosi, con conseguente anomalia della funzione microbica che può contribuire ai segni clinici. L’indice di disbiosi è uno strumento diagnostico utile per molti casi, ma poiché ci possono essere varie cause sottostanti, il ripristino del microbiota richiede un approccio terapeutico multimodale e, spesso, a lungo termine. 

 

Trasparenza

L’autore è un dipendente del laboratorio di medicina gastrointestinale della Texas A&M che offre test del microbioma su base commerciale.

Riferimenti

  1. Ziese AL, Suchodolski JS. Impact of changes in gastrointestinal microbiota in canine and feline digestive diseases. Vet. Clin. North. Am. Small. Anim. Pract. 2021;51(1):155-169.

  2. Whitfield-Cargile CM, Cohen ND, Chapkin RS, et al. The microbiota-derived metabolite indole decreases mucosal inflammation and injury in a murine model of NSAID enteropathy. Gut. Microbes 2016;7(3):246-261.

  3. Giaretta PR, Suchodolski JS, Blick AK, et al. Distribution of bile acid receptor TGR5 in the gastrointestinal tract of dogs. Histol. Histopathol. 2019;34(1):69-79.

  4. Li Q, Larouche-Lebel E, Loughran KA, et al. Gut dysbiosis and its associations with gut microbiota-derived metabolites in dogs with myxomatous mitral valve disease. MSystems. 2021;in press.

  5. Pavlidis P, Powell N, Vincent RP, et al. Systematic review: bile acids and intestinal inflammation-luminal aggressors or regulators of mucosal defence? Aliment. Pharmacol. Ther. 2015;42(7):802-817.

  6. Werner M, Suchodolski JS, Lidbury JA, et al. Diagnostic value of fecal cultures in dogs with chronic diarrhea. J. Vet. Intern. Med. 2021;35(1):199-208.

  7. Al Shawaqfeh MK, Wajid B, Minamoto Y, et al. A dysbiosis index to assess microbial changes in fecal samples of dogs with chronic inflammatory enteropathy. FEMS Microbiol. Ecol. 2017;93(11): DOI: 10.1093/femsec/fix136

  8. Pilla R, Gaschen FP, Barr JW, et al. Effects of metronidazole on the fecal microbiome and metabolome in healthy dogs. J. Vet. Intern. Med. 2020;34(5):1853-1866.

  9. Manchester AC, Webb CB, Blake AB, et al. Long-term impact of tylosin on fecal microbiota and fecal bile acids of healthy dogs. J. Vet. Intern. Med. 2019;33(6):2605-2617.

  10. Wang S, Martins R, Sullivan MC, et al. Diet-induced remission in chronic enteropathy is associated with altered microbial community structure and synthesis of secondary bile acids. Microbiome 2019;7(1):126.

  11. Chaitman J, Ziese AL, Pilla R, et al. Fecal microbial and metabolic profiles in dogs with acute diarrhea receiving either fecal microbiota transplantation or oral metronidazole. Front. Vet. Sci. 2020;7:192.

  12. Blake AB, Guard BC, Honneffer JB, et al. Altered microbiota, fecal lactate, and fecal bile acids in dogs with gastrointestinal disease. PLOS One 2019;14(10):e0224454.

  13. Isaiah A, Parambeth JC, Steiner JM, et al. The fecal microbiome of dogs with exocrine pancreatic insufficiency. Anaerobe 2017;45:50-58.

  14. Giaretta PR, Rech RR, Guard BC, et al. Comparison of intestinal expression of the apical sodium-dependent bile acid transporter between dogs with and without chronic inflammatory enteropathy. J. Vet. Intern. Med. 2018;32(6):1918-1926.

  15. Giaretta PR, Suchodolski JS, Jergens AE, et al. Bacterial biogeography of the colon in dogs with chronic inflammatory enteropathy. Vet. Pathol. 2020;57(2):258-265.

  16. Procoli F. Inflammatory bowel disease, food-responsive, antibiotic-responsive diarrhoea, protein losing enteropathy. Advance Small Anim. Care 2020;1:127-141.

  17. Bresciani F, Minamoto Y, Suchodolski JS, et al. Effect of an extruded animal protein-free diet on fecal microbiota of dogs with food-responsive enteropathy. J. Vet. Intern. Med. 2018;32(6):1903-1910.

  18. Torres-Henderson C, Suchodolski J, Lappin MR. Effect of Enterococcus faecium strain SF68 on gastrointestinal signs and fecal microbiome in cats administered amoxicillin-clavulanate. Top. Companion Anim. Med. 2017;32(3):104-108.

  19. Ziese AL, Suchodolski JS, Hartmann K, et al. Effect of probiotic treatment on the clinical course, intestinal microbiome, and toxigenic Clostridium perfringens in dogs with acute hemorrhagic diarrhea. PLOS One 2018;13(9):e0204691.

  20. White R, Atherly T, Guard B, et al. Randomized, controlled trial evaluating the effect of multi-strain probiotic on the mucosal microbiota in canine idiopathic inflammatory bowel disease. Gut Microbes 2017;8(5):451-466

  21. Westermarck E, Skrzypczak T, Harmoinen J, et al. Tylosin-responsive chronic diarrhea in dogs. J. Vet. Intern. Med. 2005;19(2):177-186.

  22. Westermarck E, Myllys V, Aho M. Effect of treatment on the jejunal and colonic bacterial flora of dogs with exocrine pancreatic insufficiency. Pancreas 1993;8:559-562.

  23. Werner M, Suchodolski JS, Straubinger RK, et al. Effect of amoxicillin-clavulanic acid on clinical scores, intestinal microbiome, and amoxicillin-resistant Escherichia coli in dogs with uncomplicated acute diarrhea. J. Vet. Intern. Med. 2020;34(3):1166-1176.

  24. Chaitman J, Gaschen F. Fecal microbiota transplantation in dogs. Vet. Clin. North. Am. Small Anim. Pract. 2021;51(1):219-233.

  25. Pereira GQ, Gomes LA, Santos IS, et al. Fecal microbiota transplantation in puppies with canine parvovirus infection. J. Vet. Intern. Med. 2018;32(2):707-711.

Jan Suchodolski

Jan Suchodolski

Jan Suchodolski è professore associato in medicina dei piccoli animali, direttore associato della ricerca e del dipartimento di scienze del microbiota presso il Laboratorio di Medicina Gastrointestinale della Texas A&M. Scopri di più

Altri articoli di questo numero

Numero 31.3 Pubblicato il 04/08/2022

Alimentazione casalinga: facciamo chiarezza

I Medici Veterinari affrontano spesso il caso di proprietari che vogliono nutrire il proprio animale con un’alimentazione casalinga; questo articolo esamina i potenziali problemi e benefici che può determinare tale approccio.

A cura di Marjorie Chandler

Numero 31.3 Pubblicato il 27/07/2022

Falsi miti della nutrizione del gatto

Esistono numerose leggende sull’alimentazione corretta o scorretta del gatto per garantire uno stile di vita adeguato; questo articolo punta a sgombrare il campo da alcune imprecisioni!

A cura di Karolina Hołda