Una rivista dedicata ai Medici Veterinari con contenuti provenienti da tutto il mondo

Numero 24.3 Nutrizione

Animali da compagnia e diete correlate: domande e risposte

Pubblicato il 10/03/2021

Scritto da Cailin Heinze

Disponibile anche in Français , Deutsch , Español e English

I veterinari e gli infermieri veterinari si sentono rivolgere tutti i giorni domande e commenti dai clienti per quanto riguarda vari aspetti degli alimenti per animali da compagnia, molti dei quali basati sul sentito dire, sulle credenze popolari e persino sulle menzogne. 

È importante che i veterinari e il personale veterinario spieghino chiaramente ai proprietari le differenze tra la dieta terapeutica e gli alimenti cui possono avere più facilmente accesso, in modo che il proprietario dell’animale da compagnia possa recepire meglio il valore delle diete terapeutiche.

Introduzione

I veterinari e gli infermieri veterinari si sentono rivolgere tutti i giorni domande e commenti dai clienti per quanto riguarda vari aspetti degli alimenti per animali da compagnia, molti dei quali basati sul sentito dire, sulle credenze popolari e persino sulle menzogne. In questo documento la Dr.ssa Heinze considera alcune delle domande poste più spesso, offrendo informazioni di base su problemi e risposte ragionate, basate su fondamenti scientifici.

 


D. Le diete preparate in casa sono più sane per il mio animale da compagnia rispetto alle diete commerciali?


In alcuni Paesi le diete preparate in casa sono sempre state popolari mentre in altri Paesi (come ad esempio gli Stati Uniti), la cucina casalinga per gli animali da compagnia è diventata molto più popolare negli ultimi dieci anni. Molti proprietari di animali da compagnia che cucinano per i loro animali, citano la sfiducia per gli alimenti commerciali per animali da compagnia, la percezione che i cibi preparati in casa siano più sani o il desiderio di includere o escludere determinati ingredienti. 

Possono inoltre credere che preparare in casa il cibo per i loro animali da compagnia consenta di aumentare l’appetibilità o ridurre i costi.

In teoria gli alimenti per animali da compagnia preparati in casa, se fatti correttamente, possono essere nutrizionalmente equilibrati e sani, anche se il fatto che siano più o meno sani delle diete commerciali rimane discutibile a causa della mancanza di evidenza a favore o contro questa idea. Purtroppo, la maggior parte delle diete preparate in casa empiricamente dai proprietari di animali da compagnia (o persino dai veterinari), oppure seguendo ricette ottenute da libri o sul Web, hanno seri problemi nutrizionali. Diversi studi recenti hanno indagato le ricette delle diete preparate in casa per il cane e il gatto e presentate su libri e siti Web, scoprendo che la stragrande maggioranza contiene quantità di nutrienti essenziali inferiori alle dosi raccomandate 1 2 3.

Sebbene l’analisi dettagliata di una ricetta preparata in casa richieda test di laboratorio o analisi computerizzate usando software per la formulazione della dieta, alcuni componenti di base devono sempre essere inclusi nella ricetta. Le ricette casalinghe prive dei seguenti componenti hanno maggiori probabilità di essere sbilanciate e tuttavia anche le ricette che contengono tutti questi componenti possono avere gravi squilibri nutrizionali.

  1. Una fonte di proteine animali: le ricette preparate in casa che non contengono proteine animali hanno spesso un contenuto insufficiente di proteine o aminoacidi.
  2. Una fonte di calcio: sotto forma di carbonato di calcio, fosfato di calcio o farina di ossa. Tipicamente, le fonti di calcio inorganico sono le migliori, dato che la digeribilità della farina di ossa è variabile secondo l’esperienza dell’Autore.
  3. Una fonte di acido linoleico: in genere si tratta di mais, ravizzone, oppure oli o farine di cartamo, anche se il grasso di pollo o l’avena possono talvolta fornire livelli adeguati.
  4. Una fonte di vitamine e minerali: questa deve solitamente essere un integratore umano vitaminico-minerale completo progettato per essere preso una volta al giorno. Gli integratori per animali da compagnia non contengono generalmente quantità adeguate di nutrienti per bilanciare le diete preparate in casa. Esistono tuttavia alcuni integratori progettati specificatamente (e unicamente) per bilanciare le diete per animali da compagnia preparate in casa che possono soddisfare tale scopo.
  5. Una fonte di taurina (per il gatto): la cottura della carne riduce la concentrazione di taurina, per cui questa dev’essere sempre integrata.

Dato il rischio significativo di livelli insufficienti di nutrienti, le diete preparate in casa non devono mai essere usate negli animali in accrescimento, gravidanza o allattamento. Queste fasi di vita sono molto esigenti dal punto di vista nutrizionale e livelli insufficienti di nutrienti possono avere conseguenze disastrose.

I proprietari di animali da compagnia interessati all’uso delle diete preparate in casa, devono essere indirizzati a veterinari nutrizionisti specializzati o con titoli di studio di alto livello (ad esempio, un dottorato di ricerca) in nutrizione animale per garantire che ottengano la ricetta migliore possibile. Tutte le ricette devono essere seguite esattamente e rivalutate ogni anno per garantire che soddisfino ancora le linee guida nutrizionali appropriate, nonché le esigenze dell’animale da compagnia.

 
In conclusione: non esiste alcuna evidenza che le diete preparate in casa siano più sane delle diete commerciali. In realtà, la maggior parte delle diete preparate in casa usate dai proprietari di animali da compagnia è carente di alcuni nutrienti essenziali e contiene livelli di altri nutrienti essenziali inferiori a quelli richiesti per gli alimenti commerciali per animali da compagnia. Al contrario, alcune ricette possono fornire un eccesso di nutrienti. Ad esempio, l’uso di grandi quantità di pesce può fornire livelli tossici di vitamina D.

 


D. Cani e gatti hanno bisogno di vitamine extra o di integratori?


Se un animale da compagnia riceve una dieta che soddisfa le linee guida nutrizionali minime, come ad esempio i profili nutrizionali dell’Association of American Feed Control Officials (AAFCO) 4, è improbabile che possa beneficiare dell’aggiunta di integratori vitaminici e minerali se non ha un problema di salute specifico. La maggior parte degli integratori vitaminici e minerali commercializzati per gli animali da compagnia dà per scontato che l’animale stia ricevendo i nutrienti di cui ha bisogno da una dieta equilibrata. Per questa ragione, include solo piccole quantità di vitamine e minerali che difficilmente sarebbero utili in un animale sano.

D'altra parte, se il fabbricante dell’integratore è inesperto o poco attento, è facile che si finisca per somministrare quantità di nutrienti eccessive e potenzialmente tossiche, se fornite insieme a una dieta equilibrata. Gli esempi che l’Autore ha scoperto sono integratori commercializzati per cuccioli di grossa taglia che contengono calcio aggiunto (l’eccesso di calcio è un importante fattore di rischio per le malattie ortopediche durante lo sviluppo), integratori di olio di pesce che contengono concentrazioni elevate di vitamina A e D3 e numerosi integratori vitaminici contenenti concentrazioni eccessive di vitamina D3.

In generale, tutti gli animali da compagnia che ricevono diete preparate in casa (con la possibile eccezione di quelli alimentati con prede intere) richiedono un integratore vitaminico e minerale per fornire i nutrienti essenziali. Come osservato in precedenza, la maggior parte degli integratori commercializzati per uso generale negli animali da compagnia non contengono concentrazioni di nutrienti sufficienti per bilanciare una dieta preparata in casa, specialmente se l’etichettatura suggerisce che possano essere usati “per animali da compagnia di tutte le età, per tutti i tipi di diete”. Per bilanciare le diete preparate in casa sono necessari prodotti particolari e queste diete richiedono spesso più integratori. Per esempio, quando prepara una ricetta casalinga, l’Autore usa spesso cinque o addirittura sette integratori umani diversi per raggiungere l’equilibrio vitaminico-minerale desiderato.


In conclusione: la maggior parte degli animali da compagnia che riceve una dieta commerciale equilibrata, trae difficilmente vantaggio dall’aggiunta di integratori vitaminici e minerali e questi prodotti possono causare danni se i livelli di nutrienti nell’integratore fornito assieme alla dieta sono troppo alti.

 


D. I carboidrati fanno male ai gatti?


Poche discussioni nella medicina felina sono più accese di quelle sul ruolo dei carboidrati nella dieta dei gatti sani e malati. Dato che, storicamente, la dieta del gatto è costituita da piccoli roditori, uccelli e rettili, che hanno tipicamente un contenuto ridotto di carboidrati, è stato argomentato che la dieta dei gatti non dovrebbe contenere quantità importanti di carboidrati. Nonostante l’adattamento del gatto a bassi apporti di carboidrati (ad esempio, vie gliconeo-genetiche sovraregolate, bassa attività della glucochinasi epatica), i gatti hanno mantenuto la capacità di metabolizzare i carboidrati: per i gatti gli amidi cotti correttamente possono avere una digeribilità del 93% o superiore 5. I gatti hanno una soglia superiore per i carboidrati alimentari, che è molto inferiore rispetto a quella del cane, dei suini e dell’uomo. Tuttavia, la maggior parte dei gatti metabolizza molto bene le concentrazioni di carboidrati tipicamente presenti negli alimenti commerciali (nei quali dal 5 al 40% dell’Energia Metabolizzabile [EM] proviene dai carboidrati).

I fautori della limitazione dei carboidrati nelle diete per gatti, incolpano spesso queste sostanze di vari problemi, tra cui l’obesità e lo sviluppo del diabete (Figura 1). Le diete a basso contenuto di carboidrati sono spesso descritte come la “bacchetta magica” per la perdita di peso, perché sono più “naturali” e si suppone che i gatti ne limitino l’assunzione a quantità adeguate. Altre fonti suggeriscono che le diete ad alto contenuto di carboidrati spingano il deposito diretto dei lipidi, indipendentemente dalle calorie consumate. È interessante notare che le diete a basso contenuto di carboidrati contengono solitamente una maggiore quantità di grassi e quindi una densità calorica superiore, che è un fattore di rischio per l’obesità.

 

Figura 1. Quando si parla di obesità felina, la densità calorica è una preoccupazione molto maggiore rispetto al contenuto di carboidrati. © Cailin Heinze

 

In realtà, molte diete secche a basso contenuto di carboidrati (carboidrati < 20% EM) sono estremamente ricche di calorie (495-592 kcal/tazza o 3960-4366 kcal/kg, sul tal quale), il che le rende molto difficili da somministrare in quantità adeguate ai gatti con fabbisogni energetici inferiori. Un importante studio ha confrontato diete a concentrazioni variabili di grassi e carboidrati (che usavano carboidrati semplici), scoprendo che i grassi alimentari (e quindi le rispettive calorie alimentari da esse derivate) erano fattori predittivi di incremento del peso, molto più forti rispetto ai carboidrati. I gatti nutriti con diete ad alto contenuto di grassi/basso contenuto di carboidrati prendevano molto più peso dopo la sterilizzazione e la castrazione rispetto ai gatti alimentati con diete ad alto contenuto di carboidrati 6. Anche secondo l’esperienza dell’Autore, quando si parla di obesità felina, la densità calorica è una preoccupazione molto maggiore rispetto al contenuto di carboidrati, dato che molti proprietari di gatti hanno molte difficoltà a limitare la quantità di cibo che i loro gatti sono autorizzati a consumare (Figura 2).

Figura 2. Molti proprietari di gatti non limitano la quantità di cibo che gli animali dovrebbero consumare. © Shutterstock

 

Inoltre, sebbene molte persone credano che le diete a maggiore contenuto di carboidrati (soprattutto diete secche) siano causa di diabete mellito nei gatti, non esistono attualmente dati a sostegno di tale collegamento. Un noto fattore di rischio per il diabete felino è l’obesità, per cui è di primaria importanza fornire una dieta che aiuti il gatto a mantenere un peso appropriato prima che si sviluppi il diabete. Infatti, uno studio non ha trovato alcun legame tra il consumo di cibo secco e lo sviluppo del diabete ma ha scoperto che l’inattività fisica era associata allo sviluppo del diabete quando l’analisi era controllata in base al peso corporeo 7.

Una volta che un gatto sviluppa il diabete, esistono dati per sostenere un potenziale beneficio dell’alimentazione con diete a contenuto inferiore di carboidrati in alcuni gatti 8 9 10. Tuttavia, questi studi hanno numerosi limiti e non devono essere interpretati nel senso che il trattamento migliore per tutti i gatti con diabete sia una dieta a basso contenuto di carboidrati. Sono inoltre disponibili pochi dati per individuare il valore “ideale” per quanto riguarda la concentrazione (ad esempio, studi dose-risposta non adeguatamente valutati) o la fonte (ad esempio, carboidrati semplici contro carboidrati complessi) di carboidrati per i gatti affetti da diabete. La pratica di concentrarsi su singoli ingredienti contenenti carboidrati e il loro potenziale effetto sul glucosio ematico (tipicamente estrapolando i dati dell’indice glicemico umano) non permette di valutare adeguatamente l’effetto dell’ingrediente nel complesso animale da compagnia-matrice alimentare se somministrato a un gatto reale.

Per i gatti diabetici normali o sottopeso, l’Autore cerca di solito la dieta con minimo contenuto di carboidrati che soddisfa gli altri fabbisogni del gatto. Tuttavia, per i gatti obesi, può essere impossibile trovare una dieta a basso contenuto di carboidrati con densità calorica e di nutrienti appropriata per la perdita di peso, soprattutto se il gatto non è disposto a mangiare le diete in scatola. In questi casi, l’enfasi è sulla perdita di peso come metodo per ridurre i segni diabetici.

 
In conclusione: non esiste alcuna evidenza che le diete a maggiore contenuto di carboidrati siano causa di diabete nei gatti e sebbene una certa evidenza suggerisca che i gatti con diabete possano stare meglio con le diete a basso contenuto di carboidrati, tali diete non sono l’ideale per ogni gatto e sono fortemente necessarie ulteriori ricerche.

 


D. Le diete prive di cereali sono più sane per il mio animale da compagnia?


Negli ultimi anni, c'è stata un’esplosione di alimenti per animali da compagnia commercializzati come “privi di cereali”. Queste diete, disponibili sia in forma estrusa che in scatola, usano patate, tapioca, piselli o altri legumi (leguminose) come fonti di carboidrati al posto di mais, frumento, riso o altri cereali. Queste diete sono spesso vendute al proprietario dell’animale da compagnia con l’indicazione che sono più sane, causano meno probabilmente allergie, eccetera. Tuttavia, nonostante la diffusa popolarità di queste diete, non sono noti benefici per la salute derivanti dall’uso negli alimenti commerciali per animali da compagnia di carboidrati non derivati dai cereali al posto dei cereali. Contrariamente alla credenza popolare, spesso alimentata da dicerie diffuse sul Web, la probabilità che i cereali causino allergie alimentari negli animali da compagnia è inferiore rispetto alla carne. Di conseguenza, passare a una dieta priva di cereali, pur mantenendo le stesse proteine della carne precedentemente fornite, è difficilmente utile per un animale da compagnia affetto da un’allergia alimentare vera e propria.

Molte persone equiparano le diete prive di cereali alle diete a basso contenuto di carboidrati ma questa correlazione è spesso imprecisa. Molte diete prive di cereali hanno livelli di carboidrati simili a quelle che contengono cereali e i carboidrati usati possono essere più semplici rispetto ai cereali integrali. Allo stato attuale, a meno che un animale da compagnia non abbia una determinata allergia documentata per uno specifico cereale (cosa che accade abbastanza di rado), fornire una dieta priva di cereali non apporta alcun vantaggio per la salute. Allo stesso modo, è improbabile che le diete prive di glutine siano di qualche utilità, persino negli animali da compagnia con disturbi gastrointestinali. Gli unici casi segnalati di enteropatia sensibile al glutine nel cane o nel gatto hanno interessato diversi Setter Irlandesi strettamente correlati e non esiste alcuna evidenza che siano colpite altre razze canine o feline 11.

 
In conclusione: le diete “prive di cereali” e “prive di glutine” sono in gran parte termini di marketing che non indicano alcun beneficio per la salute degli animali da compagnia.

 


D. Il mio cane ha spesso prurito e un amico ha suggerito che potrebbe avere un’allergia alimentare ma i segni non sono migliorati quando gli ho somministrato una dieta priva di cereali. Il prurito potrebbe derivare ugualmente da un'allergia alimentare?


Nonostante quello che crede la maggior parte dei proprietari di animali da compagnia, in realtà le allergie alimentari sono cause piuttosto rare di sintomi dermatologici o gastrointestinali nel cane e nel gatto (Figura 3). “Reazione avversa all’alimento” è un termine che comprende tutte le risposte negative al cibo che si potrebbero osservare in un animale da compagnia. I tipi più comuni di reazioni avverse all’alimento sono le allergie (immunomediate) e le intolleranze (non coinvolgono il sistema immunitario). Le intolleranze si manifestano solitamente con sintomi gastrointestinali come ad esempio vomito, feci di bassa qualità o flatulenza, mentre le allergie possono presentarsi come segni dermatologici o gastrointestinali, oppure entrambi.

 

 Figura 3. Nonostante quello che crede la maggior parte dei proprietari di animali da compagnia, le allergie alimentari sono in realtà cause piuttosto rare di sintomi dermatologici nel cane. 
© Shutterstock

 

Le allergie agli antigeni ambientali come ad esempio pollini, muffe, acari della polvere e pulci, sono le cause più comuni di malattia cutanea allergica nel cane e nel gatto. Per quanto riguarda i segni gastrointestinali, il cibo è spesso uno dei fattori. Tuttavia, altre proprietà di un alimento come ad esempio, la digeribilità e il contenuto di grassi o di fibra, comportano maggiori probabilità di causare disturbi digestivi rispetto a una risposta immunogenica a specifici ingredienti alimentari.

La diagnosi di specifiche allergie alimentari è difficile perché richiede laboriose prove con diete di eliminazione seguite da test di provocazione con i singoli ingredienti. Il risultato è che le allergie alimentari vengono raramente diagnosticate con certezza nel cane e nel gatto e può essere difficile trovare molte informazioni nella letteratura sugli allergeni alimentari più comuni confermati. È stato tuttavia segnalato che gli allergeni alimentari più comuni nel cane sono carne bovina, latticini, grano, uova e pollo, mentre i più comuni nel gatto sono carne bovina, latticini e pesce 12. Ciò nonostante, è probabile che questi elenchi riflettano semplicemente gli ingredienti più comuni nelle diete per animali da compagnia degli ultimi due decenni, piuttosto che una maggiore antigenicità per eventuali specifici ingredienti di questi alimenti. Se si sospetta un’allergia o un’intolleranza alimentare, le prove con diete di eliminazione devono essere condotte usando diete terapeutiche veterinarie contenenti antigeni nuovi (cioè, una proteina più un carboidrato che l’animale da compagnia non ha mai assunto prima) e in quantità limitata. Per gli animali da compagnia che hanno avuto contatto con una vasta gamma di ingredienti, la patata bianca (cane) o il pisello verde (gatto), potrebbe essere impossibile trovare una dieta terapeutica appropriata. In questi casi dev’essere usata una dieta composta da proteine idrolizzate più un amido semplice (cioè, nessun componente proteico).

Solo quando un animale ha segni che non migliorano con una o più rigorose prove con una dieta terapeutica a base di antigeni nuovi o di idrolizzati e si sospetta ancora una causa allergica, si deve tentare con una dieta preparata in casa. Sebbene molti abbiano raccomandato una combinazione non bilanciata di una proteina e un carboidrato, secondo l’esperienza dell’Autore, quando queste diete hanno successo il cliente tende a fornirle a lungo termine, solitamente senza curarsi del fatto che potrebbero essere carenti di nutrienti essenziali. Per questo motivo, l’Autore si accerta sempre che le ricette per le prove con diete di eliminazione comprendano integratori adeguati per fornire i nutrienti essenziali per l’alimentazione a lungo termine, usando fonti che non introducano antigeni supplementari.

 
In conclusione: le allergie alimentari sono rare negli animali da compagnia, ma quando si verificano, è più probabile che derivino dai prodotti di origine animale della dieta, piuttosto che dagli ingredienti vegetali.

 


D. Controllo sempre l’elenco degli ingredienti quando penso di acquistare un nuovo alimento per animali da compagnia in modo da determinare la qualità del cibo. Quali ingredienti devo cercare o evitare?


Purtroppo, l’elenco degli ingredienti di un alimento per animali da compagnia non è un metodo valido per valutare la qualità dei singoli ingredienti o la dieta nel suo complesso. Sebbene nella maggior parte dei Paesi gli ingredienti siano regolamentati, nel senso che l’etichetta deve riportare definizioni molto precise, queste non contengono generalmente alcun dettaglio sulla qualità o la composizione nutrizionale degli ingredienti. Un’azienda potrebbe usare farina di pollo di qualità eccellente o di qualità scadente e l’etichetta dirà sempre “farina di pollo”.

Allo stesso modo, le aziende non sono tenute a dimostrare che certi ingredienti migliorano la salute o addirittura sono biodisponibili per l’animale da compagnia. I fabbricanti possono usare carni esotiche (ad esempio, bisonte, coniglio, salmone, cervo, anatra) oppure frutta, verdura o erbe nella dieta in quantità tali da apportare difficilmente un qualsiasi beneficio nutrizionale e possono farlo esclusivamente per scopi di marketing, dato che la popolazione dei proprietari di animali da compagnia è sempre più alla ricerca di elenchi degli ingredienti più simili a quelli dei cibi che essi stessi stanno consumando o che riflettono la loro percezione di ciò che i loro animali da compagnia “dovrebbero” mangiare. Questo spiega la presenza di diete costose che contengono alimenti come ad esempio salmone affumicato e bacche di Goji, che difficilmente conferiscono nutrienti o benefici aggiuntivi rispetto a una dieta tradizionale a base di pollo e granoturco. 

Molti proprietari di animali da compagnia cercano di evitare coloranti artificiali e conservanti, tanto che questi composti sono stati ampiamente rimossi dagli alimenti commerciali per animali da compagnia in conseguenza della pressione dei consumatori. È tuttavia importante tenere presente che per i conservanti naturali sono disponibili meno dati sulla sicurezza e l’efficacia rispetto ai conservanti artificiali che sono stati usati tradizionalmente. Così, l’uso dei conservanti naturali comporta un notevole gravame per il produttore, poiché questi deve garantire che le quantità e le qualità dei conservanti usati siano appropriate per tutelare la qualità nutrizionale del cibo per l’intera durata di quest’ultimo.

 
In conclusione: l’elenco degli ingredienti fornisce informazioni limitate o nulle sulla qualità o la salubrità di un alimento per animali da compagnia e i produttori possono scegliere gli ingredienti che attraggono maggiormente i proprietari piuttosto di quelli che vanno meglio per gli animali da compagnia.

 


D. Il veterinario ha prescritto l’uso di una costosa dieta terapeutica veterinaria piuttosto che un alimento generico. Le diete veterinarie sono realmente così diverse da quelle che posso acquistare senza la prescrizione del veterinario?


Nella maggior parte dei Paesi, gli alimenti per animali da compagnia venduti ai consumatori per gli animali sani devono soddisfare le concentrazioni minime di nutrienti ritenute appropriate per la specifica fase di vita dell’animale (cagne o gatte adulte, gravide o in allattamento, oppure gattini o cuccioli in accrescimento). Queste diete hanno livelli variabili di nutrienti e sono pensate per fornire una nutrizione adeguata ad animali sani, per cui potrebbero non contenere la composizione nutrizionale ideale e altre proprietà (ad esempio, fibra, digeribilità) necessarie per alcuni animali da compagnia con problemi di salute. Alcuni di questi problemi che potrebbero richiedere una dieta speciale includono obesità, malattie gastrointestinali, nefropatia o reazione avversa al cibo.

Molti animali da compagnia obesi hanno fabbisogni energetici ridotti e il loro apporto calorico deve essere fortemente limitato rispetto a quello di un animale magro, per consentire la perdita di peso. Al fine di garantire che i nutrienti essenziali non vengano limitati insieme con le calorie, sono indispensabili diete che contengono maggiori livelli di nutrienti per caloria. Sebbene nei negozi di prodotti per animali da compagnia e nei supermercati esistano decine di diete vendute come soluzione a sovrappeso e tendenza all’obesità di cani e gatti, le quantità di calorie e le concentrazioni di nutrienti di queste diete sono estremamente variabili 13 e molte di esse possono avere livelli ridotti di calorie senza avere necessariamente un contenuto maggiore di nutrienti. Per esempio, molte diete di mantenimento secche ipocaloriche per cani, hanno livelli piuttosto bassi di proteine prima ancora che le calorie siano limitate ma bisogna tener presente che il mantenimento di un apporto adeguato di proteine nella dieta viene ritenuto importante per il mantenimento della massa magra corporea durante la perdita di peso. Le diete terapeutiche veterinarie per la perdita di peso hanno spesso livelli di calorie inferiori rispetto alle diete di mantenimento, pur avendo concentrazioni elevate di nutrienti come ad esempio le proteine. Queste diete possono avere inoltre concentrazioni maggiori di fibra o di altri composti che possono aumentare la perdita di peso, il mantenimento della massa magra corporea o la sazietà. Questi prodotti generano spesso una perdita di peso più sana ed efficiente, soprattutto negli animali da compagnia con fabbisogni energetici molto bassi, rispetto alle diete di mantenimento ipocaloriche (Figura 4).

 

Figura 4. È importante che i veterinari e il personale veterinario spieghino chiaramente ai proprietari le differenze tra la dieta terapeutica e gli alimenti cui possono avere più facilmente accesso, in modo che il proprietario dell’animale da compagnia possa recepire meglio il valore delle diete terapeutiche. © Shutterstock

 

Per gli animali da compagnia con nefropatia moderata-grave (secondo la classificazione dell’International Renal Interest Society, stadi 2-4), le diete di mantenimento non forniscono concentrazioni appropriate di proteine, fosforo e altri nutrienti, dato che tali concentrazioni sono solitamente inferiori ai limiti regolamentari minimi per i cani sani. Diversi studi hanno mostrato un miglioramento dei segni clinici e tempi di sopravvivenza più lunghi nel cane e nel gatto alimentato con diete terapeutiche veterinarie appositamente studiate, rispetto alle diete di mantenimento tipiche 14 15. In questi animali da compagnia, una dieta appropriata può raddoppiare la durata della vita e migliorare la qualità di vita durante la progressione della malattia.

Gli animali da compagnia con segni di malattia gastrointestinale che non migliorano con le diete di mantenimento, possono rispondere meglio alla maggiore digeribilità e ai complessi di fibre disponibili nelle diete terapeutiche veterinarie pensate per gli animali da compagnia con disturbi gastrointestinali. Esistono inoltre diete per gli animali da compagnia con potenziali allergie o intolleranze alimentari, che contengono in modo limitato ingredienti meno comuni, così come diete preparate con proteine idrolizzate. Sebbene molte diete di bassa gamma o molte diete generiche siano pubblicizzate come idonee per gli animali da compagnia con “sensibilità gastrica” o come contenenti pochi ingredienti, non esistono regole che guidino queste affermazioni e questi prodotti possono avere digeribilità o ingredienti per nulla diversi dalle diete commercializzate come adatte per gli animali da compagnia “normali”.

Le diete terapeutiche veterinarie devono essere usate esclusivamente, quando possibile, per escludere o accertare l’allergia o l’intolleranza alimentare. Anche se spesso sembra che siano disponibili diete simili nei negozi di prodotti per animali da compagnia, molte diete “a contenuto limitato di antigeni” facilmente disponibili contengono ingredienti comuni in aggiunta ad altri potenzialmente nuovi (ad esempio, una dieta con “carne di cervo” può anche contenere pollo o uova) o più ingredienti di quanto suggerisca il nome (ad esempio, una dieta con “carne di cervo e patate”, comprende anche pollo, uova, piselli e orzo). Inoltre, almeno uno studio suggerisce che queste diete sono spesso contaminate con altri ingredienti non elencati in etichetta 16. Per queste ragioni, i risultati di una prova con dieta di eliminazione possono essere alterati dall’uso di queste diete, determinando diagnosi errate. Quando una dieta terapeutica veterinaria è importante per la salute di un animale da compagnia, è fondamentale che i veterinari e il personale veterinario spieghino chiaramente ai proprietari le differenze tra la dieta terapeutica e gli alimenti cui possono avere più facilmente accesso, in modo che il proprietario dell’animale da compagnia possa recepire meglio il valore delle diete terapeutiche.

 
In conclusione: per alcuni problemi di salute, la dieta può giocare un ruolo fondamentale nel trattamento. Per queste condizioni, le diete terapeutiche veterinarie possono fornire vantaggi significativi rispetto alle diete di mantenimento tradizionali.

 

References

  1. Larsen JA, Parks EM, Heinze CR, et al. Evaluation of recipes for home-prepared diets for dogs and cats with chronic kidney disease. J Am Vet Med Assoc 2012;240:532-538.
  2. Heinze CR, Gomez FC, Freeman LM. Assessment of commercial diets and recipes for home-prepared diets recommended for dogs with cancer. J Am Vet Med Assoc 2012;241:1453-1460.
  3. Stockman J, Fascetti AJ, Kass PH, et al. Evaluation of recipes of home-prepared maintenance diets for dogs. J Am Vet Med Assoc 2013;242:1500-1505.
  4. Association of American Feed Control Officials Incorporated. www.aafco.org.
  5. de Oliveira LD, Carciofi AC, Oliveira MC, et al. Effects of six carbohydrate sources on diet digestibility and postprandial glucose and insulin responses in cats. J Anim Sci 2008;86:2237-2246.
  6. Backus RC, Cave NJ, Keisler DH. Gonadectomy and high dietary fat but not high dietary carbohydrate induce gains in body weight and fat of domestic cats. Br J Nutr 2007;98:641-650.
  7. Slingerland LI, Fazilova VV, Plantinga EA, et al. Indoor confinement and physical inactivity rather than the proportion of dry food are risk factors in the development of feline type 2 diabetes mellitus. Vet J 2009;179:247-253.
  8. Bennett N, Greco DS, Peterson ME, et al. Comparison of a low carbohydratelow fiber diet and a moderate carbohydrate-high fiber diet in the management of feline diabetes mellitus. J Feline Med Surg 2006;8:73-84.
  9. Frank G, Anderson W, Pazak H, et al. Use of a high-protein diet in the management of feline diabetes mellitus. Vet Ther 2001;2:238-246.
  10. Mazzaferro EM, Greco DS, Turner AS, et al. Treatment of feline diabetes mellitus using an alpha-glucosidase inhibitor and a low-carbohydrate diet. J Feline Med Surg 2003;5:183-189.
  11. Manners HK, Hart CA, Getty B, et al. Characterization of intestinal morphologic, biochemical, and ultrastructural features in gluten-sensitive Irish Setters during controlled oral gluten challenge exposure after weaning. Am J Vet Res 1998;59(11):1435-4012.
  12. Verlinden A, Hesta M, Millet S, et al. Food allergy in dogs and cats: A review. Critical Reviews in Food Sci & Nutr 2006;46:259-273.
  13. Linder DE, Freeman LM. Evaluation of calorie density and feeding directions for commercially available diets designed for weight loss in dogs and cats. J Am Vet Med Assoc 2010;236:74-77.
  14. Ross SJ, Osborne CA, Kirk CA, et al. Clinical evaluation of dietary modification for treatment of spontaneous chronic kidney disease in cats. J Am Vet Med Assoc 2006;229:949-957.
  15. Jacob F, Polzin DJ, Osborne CA, et al. Clinical evaluation of dietary modification for treatment of spontaneous chronic renal failure in dogs. J Am Vet Med Assoc 2002;220:1163-1170.
  16. Raditic DM, Remillard RL, Tater KC. ELISA testing for common food antigens in four dry dog foods used in dietary elimination trials. J Anim Physiol Anim Nutr (Berl) 2011;95:90-97.
Cailin Heinze

Cailin Heinze

Cailin Heinze, North Grafton, Massachusetts, Stati Uniti Scopri di più

Altri articoli di questo numero

Numero 24.3 Pubblicato il 25/03/2021

I gatti e la fibra alimentare

Nutrizionisti e veterinari si interessano da molti anni della fibra alimentare come componente degli alimenti per animali da compagnia o come integratori.

A cura di Allison Wara e Craig Datz

Numero 24.3 Pubblicato il 10/03/2021

Calcolo del contenuto energetico delle diete per animali da compagnia

Perché è importante conoscere il contenuto energetico degli alimenti per animali da compagnia?

A cura di Richard Butterwick

Numero 24.3 Pubblicato il 04/03/2021

Il comportamento alimentare del cane

Due tendenze sembrano essere diventate di moda tra i proprietari di cani negli ultimi anni...

A cura di Jon Bowen

Numero 24.3 Pubblicato il 10/02/2021

Comorbilità del sovrappeso e dell’obesità nel cane e nel gatto

L’obesità è una malattia nutrizionale importante per gli animali da compagnia, sia gatti che cani e negli Stati Uniti fino al 35% dei cani e dei gatti adulti risulta essere in sovrappeso od obeso.

A cura di Emi Kate Saito