Una rivista dedicata ai Medici Veterinari con contenuti provenienti da tutto il mondo
Veterinary Focus

Numero 32.1 altro: scientifici

DHA per i cuccioli

Pubblicato il 15/06/2022

Scritto da Russ Kelley

Disponibile anche in Français , Deutsch , Português , Español e English

Quanto sono importanti per uno sviluppo sano gli acidi grassi polinsaturi a catena lunga alimentari? Russ Kelley descrive alcuni recenti lavori secondo cui sono parte vitale dei fabbisogni nutrizionali del cucciolo. 

Regular training is a vital part of a puppy’s upbringing

Punti chiave

L’arricchimento alimentare con acido docosaesaenoico (DHA) prima della nascita o nel periodo neonatale può aiutare a promuovere l’apprendimento e la memoria nei cuccioli.


I cuccioli nati da madri alimentate con alto contenuto di DHA e svezzati con medesime caratteristiche hanno maggiori probabilità di successo nei test della funzione cognitiva, rispetto ai cuccioli allevati con basso contenuto di DHA.


Introduzione

Gli acidi grassi polinsaturi a catena lunga (LCPUFA) svolgono un ruolo vitale nello sviluppo e nella fisiologia del cane. In particolare, nel tessuto retinico e cerebrale sono presenti concentrazioni elevate dell’acido docosaesaenoico (DHA), un acido grasso omega-3 che, come noto, si accumula rapidamente in questi tessuti nell’ultimo terzo della gestazione e nei primi mesi di vita neonatale, cioè il periodo che corrisponde alla massima crescita cerebrale nei mammiferi. Questo deposito precoce di DHA sembra essere necessario per lo sviluppo neurale e visivo normale 1, poiché uno stato subottimale di DHA in animali giovani è stato associato a compromissione nella funzione cognitiva e visiva, tra cui ridotta capacità di apprendimento, deficit della memoria, elettroretinogrammi anomali, e compromissione della vista 2. È stato proposto che l’arricchimento alimentare con DHA prima della nascita o nel periodo neonatale possa essere utile anche per promuovere alcuni tipi di apprendimento e memoria 3.

Russ Kelley

Livelli subottimali di acido docosaesaenoico negli animali giovani sono stati associati a compromissione della funzione cognitiva e visiva, ridotta capacità di apprendimento, deficit della memoria, e compromissione della vista.

Russ Kelley

Fonti e funzioni del DHA

Gli LCPUFA vengono forniti al feto attraverso la placenta, e al neonato attraverso il latte della madre. L’acido alfa-linolenico (ALA) è il precursore del DHA, ma la conversione di ALA in DHA è inefficiente, e la biosintesi del DHA materno potrebbe non essere sufficiente ad arricchire in modo ottimale le riserve materne e trasportarle al feto. Gli studi suggeriscono che la capacità del cane di produrre DHA da ALA si esplichi principalmente nelle prime settimane di vita, e non è noto se le quantità prodotte siano sufficienti a sostenere uno sviluppo neurologico ottimale 4. Fornire DHA alla madre può essere il modo più efficiente per fornirlo ai neonati, e includere DHA (invece di ALA) dopo lo svezzamento può essere il modo più efficace per garantire che l’organismo riceva le quantità necessarie per proseguire lo sviluppo neurologico.

Finora, i meccanismi con cui il DHA fornisce un beneficio cognitivo potenziato non sono del tutto compresi. Tuttavia, è noto che il DHA svolge un ruolo in molte fasi dello sviluppo neuronale, sia nel feto, sia nel neonato, ed esiste un’evidenza che esso influisca sulla fluidità della membrana sinaptica, modifichi la funzione enzimatica, e aumenti la produzione o l’espressione di recettori e composti dopaminergici. Ciò può migliorare l’apprendimento e la memoria, poiché i sistemi dopaminergici sono specificamente coinvolti nella regolazione dei processi comportamentali come, ad esempio, l’attività motoria, le emozioni e l’orientamento nello spazio 5.

Studi recenti

Il PHNC di Lewisburg ha effettuato alcuni studi per valutare gli effetti sull’apprendimento e la memoria dei cuccioli derivanti dall’arricchimento dell’alimentazione materna (fetale-neonatale) con DHA e dopo lo svezzamento. Sono stati condotti tre studi:  

  1. Uno studio su cagne alimentate con basso o alto tenore di DHA durante la gestazione e la lattazione, verificando poi le differenze nello sviluppo visivo e l’apprendimento spaziale in cuccioli svezzati con lo stesso alimento tra 7 e 9 settimane di età. 
  2. Uno studio in cui sia le madri, sia i loro cuccioli, hanno ricevuto un basso, medio o alto tenore di DHA, valutando poi le differenze nello sviluppo visivo e l’apprendimento spaziale in cuccioli tra 9 e 14 settimane di età utilizzando un labirinto a T.
  3. Uno studio in cui i cuccioli hanno ricevuto un basso o alto tenore in DHA, dallo svezzamento fino a 25 settimane di età, valutando poi, a partire da 15 settimane di età, l’apprendimento spaziale e la memoria dei raggi di un labirinto. 

Tutti gli alimenti dello studio sono alimenti completi adattati agli stadi vitali secondo i profili nutrizionali di AAFCO* e differivano solo nella composizione della miscela oleosa utilizzata, come mostrato nella Tabella 1.

*Association of American Feed Control Officials (Associazione americana per il controllo dei mangimi)

Tabella 1. Composizioni dell’alimento dello studio.

Nutriente Range (sul tal quale)
Proteine % 31-32
Grassi % 20,1-20,8
Umidità % 7-8
Calcio % 1,2-1,3
Fosforo % 1,0-1,1
Zinco (PPM) 230-245
Vitamina A (kUI) 27-28
Vitamina E (UI) 375-425
Acido linoleico  % 4,0-4,5
Rapporto n6:n3 5:1-10:1
Gruppi  DHA (%) (su sostanza secca)
Studio 1
Basso tenore di DHA  0,01
Elevato tenore di DHA  0,18
Studio 2
Basso tenore di DHA  0,015
Medio tenore di DHA  0,077
Elevato tenore di DHA  0,135
Studio 3
Basso tenore di DHA  0,015
Elevato tenore di DHA  0,135

 

Studio 1

Per valutare l’apprendimento spaziale (direzione) e la capacità visiva, sono stati valutati 8 cuccioli nati da madri che avevano ricevuto un’alimentazione arricchita con DHA, e 8 cuccioli nati da madri che non l’avevano ricevuta (Tabella 1). Tre porte rettangolari poste lungo una parete bianca erano contrassegnate con un simbolo nero (cerchio, quadrato o triangolo). Ai cuccioli sono stati assegnati in modo randomizzato una porta e un simbolo visivo, e gli animali sono stati addestrati ad avvicinarsi alla porta/al simbolo in cambio di una ricompensa alimentare. Al termine del periodo di apprendimento, sono state valutate la memoria spaziale (analizzando come il cucciolo localizzava la porta assegnata) e la capacità di discriminazione visiva (osservando come identificava il simbolo assegnato).

Tutti e 16 i cuccioli sono risultati capaci di selezionare correttamente la porta e il simbolo assegnati. Durante il periodo dei test spaziali, tutti i cuccioli in entrambi i gruppi hanno mostrato un tasso di successo di almeno il 90% nell’approcciare la porta loro assegnata entro 120 secondi. Tuttavia, quando testati per la capacità di discriminazione visiva, i cuccioli nati da madri alimentate con alto contenuto in DHA hanno ottenuto risultati migliori rispetto agli altri cuccioli, e i cuccioli nel primo gruppo hanno ottenuto complessivamente risultati migliori rispetto a quelli nel secondo gruppo. 

Studio 2

28 Beagle sono state assegnate in modo randomizzato a una delle tre diete (a basso, medio o alto contenuto in DHA; (Tabella 1) e nutrite ad libitum durante la gestazione e la lattazione; i cuccioli sono stati svezzati con lo stesso alimento della madre durante lo studio (Figura 1). In totale, dalle cucciolate, sono stati selezionati 60 cuccioli di età compresa tra 9 e 15 settimane per valutarne la funzione cognitiva (discriminazione visiva e apprendimento spaziale) in un labirinto a T (Figura 2). Ai cuccioli è stato insegnato ad associare un simbolo (un quadrato o un cerchio) a una ricompensa alimentare situata in un braccio del labirinto, come pure a un indizio olfattivo (senza possibilità di ottenere cibo) nell’altro braccio. È stata quindi avviata una “fase di inversione del compito” in cui era cambiata la posizione associata al simbolo del cucciolo (ad es. se il cerchio designava prima la presenza di cibo nel braccio destro del labirinto, ora indicava che il cibo era nel braccio sinistro).

Nel test, i cuccioli alimentati ad alto contenuto in DHA hanno superato costantemente quelli del gruppo a basso contenuto in DHA. Le prestazioni dei cuccioli nel gruppo a medio contenuto in DHA erano migliori rispetto ai cuccioli nel gruppo a basso contenuto in DHA, e peggiori rispetto a quelle del gruppo ad alto contenuto in DHA; tuttavia, queste differenze non erano statisticamente significative, sebbene la tendenza suggerisca che la risposta all’apprendimento sia quantità-dipendente.

Sono stati scelti cuccioli di Beagle tra 9 e 15 settimane di età per valutare la funzione cognitiva

Figura 1. Sono stati scelti cuccioli di Beagle tra 9 e 15 settimane di età per valutare la funzione cognitiva (discriminazione visiva e apprendimento spaziale) in un labirinto a T.
Crediti: Russ Kelley/Royal Canin

Il labirinto a T utilizzato nello Studio 2

Figura 2. Il labirinto a T utilizzato nello Studio 2. I cuccioli sono stati educati ad associare un simbolo (un quadrato o un cerchio) a una ricompensa alimentare situata in un braccio del labirinto, come pure a una traccia olfattiva (senza possibilità di ottenere cibo) nell’altro braccio.
Crediti: Ridisegnata da Sandrine Fontègne

Studio 3

Questo studio ha coinvolto cuccioli nati da madri che avevano ricevuto un’alimentazione non arricchita durante la gestazione e la lattazione. Allo svezzamento, i cuccioli sono stati assegnati in modo randomizzato a una dieta a basso o ad alto contenuto in DHA (Tabella 1), e il test della funzione cognitiva è stato eseguito utilizzando un labirinto a 8 raggi con porte numerate all’estremità di ognuno, che potevano essere aperte o chiuse in modo indipendente (Figura 3). Questo studio è stato progettato per l’orientamento spaziale e la memoria a breve, medio e lungo termine, indicate anche come effetto di vicinanza temporale (memoria a breve termine) ed effetto di preminenza (memoria a lungo termine). Il test del labirinto è iniziato a 15 settimane di età e ancora una volta il cucciolo doveva entrare in un braccio del labirinto per recuperare una ricompensa alimentare, ma questo studio prevedeva quattro fasi di difficoltà crescente. Inizialmente, i dati sono stati analizzati per tenere conto dei principali effetti dati dal numero di tentativi, sesso, alimentazione e interazioni associate, ma i primi due fattori non hanno avuto effetti significativi e sono stati successivamente rimossi dal modello, con l’analisi finale che includeva solo il tipo di alimento. 

Tutti i cuccioli hanno completato con successo le prime due fasi, anche se è stato notato che i cuccioli che avevano ricevuto un alto contenuto in DHA hanno richiesto meno sessioni di apprendimento rispetto ai cuccioli dell’altro gruppo per la fase 2 (sebbene le differenze non fossero statisticamente significative tra i due gruppi). 

La maggior parte dei cuccioli che avevano ricevuto un alto contenuto in DHA ha avuto successo nel test della memoria a lungo termine (effetto di preminenza) rispetto ai cuccioli che avevano ricevuto un basso contenuto in DHA, e questo valeva anche per i test di memoria a medio e breve termine, sebbene queste differenze non fossero statisticamente significative. Quando sono stati analizzati sia i tassi di “successo” sia quelli di “errore”, i cuccioli che avevano ricevuto l’alto contenuto in DHA hanno fatto significativamente meno errori di scelta quando posti di fronte a tre potenziali tipi di errore simultaneamente. 

Il labirinto radiale a 8 bracci utilizzato nello Studio 3

Figura 3. Il labirinto radiale a 8 bracci utilizzato nello Studio 3. Le porte montate alla fine di ogni braccio possono essere aperte o chiuse in modo indipendente per offrire al cucciolo opzioni diverse. 
Crediti: Ridisegnata da Sandrine Fontègne

Discussione

I cuccioli vengono generalmente adottati dalle famiglie definitive poco dopo lo svezzamento, e la maggior parte dei proprietari ha opportunità limitate o nulle di influire sullo stato del DHA della madre o dei suoi cuccioli prima dell’adozione. Analogamente, quando i cuccioli nascono da madri abbandonate o malnutrite (ad es. in rifugi o animali salvati) lo stato nutrizionale della madre è spesso sconosciuto o carente. Pertanto, una domanda importante ma senza risposta è se fornire un alimento arricchito in DHA dopo il periodo dell’influenza materna possa ancora avvantaggiare la funzione cognitiva e l’apprendimento dei cuccioli. Questi tre studi offrono evidenza che i cuccioli che ricevono più DHA hanno prestazioni superiori nei test cognitivi. Sebbene auspicabile, alimentare la madre con maggior quantità di DHA durante gestazione e lattazione può non essere essenziale per migliorare lo stato di DHA nei neonati. Tuttavia, fornirlo ai cuccioli a partire dallo svezzamento può ancora fornire benefici cognitivi, anche quando non è stato fornito in maggiori quantità alla madre, come mostrato nello Studio 3; i cuccioli hanno dimostrato miglioramenti nell’apprendimento e nella memoria a circa 15-25 settimane di età, il momento in cui la maggior parte dei nuovi proprietari avrà iniziato a socializzare con il nuovo cane e ad educarlo (Figura 4). 

Nel complesso, questi studi indicano che il DHA favorisce il miglioramento della capacità di apprendimento correlata alla memoria, e che questi benefici possono essere acquisiti anche in assenza di arricchimento materno. La conseguenza può essere che i miglioramenti nell’apprendimento legato alla memoria possono facilitare l’educazione dei cani.

L’apprendimento regolare è una parte vitale dell’educazione del cucciolo

Figura 4. L’apprendimento regolare è una parte vitale dell’educazione del cucciolo, e il DHA può essere utile in questa fase.
Crediti: Shutterstock

Trasparenza

Tutte le procedure descritte in questo manoscritto sono state esaminate e approvate dall’Institutional Animal Care and Use Committee di The Iams Company (Lewisburg, OH, Stati Uniti)

 

Conclusione

Nel complesso, questi studi supportano i primi riscontri nel cane (e in altre specie) in termini di relazione tra DHA e capacità cognitiva; mentre è auspicabile l’arricchimento materno con DHA a beneficio del feto in via di sviluppo e dei neonati, il beneficio può ancora essere acquisito aggiungendo DHA all’alimento per lo svezzamento dei cuccioli tra 6 e 25 settimane di età; inoltre, l’aggiunta nel post-svezzamento in assenza di arricchimento materno continua a migliorare le prestazioni cognitive nel cucciolo in accrescimento, in particolare i parametri relativi alla memoria e alla concentrazione. Sono tuttavia necessari ulteriori studi per esplorare gli effetti dell’arricchimento con DHA sulla funzione cognitiva nei periodi successivi dello sviluppo, e nei cani adulti e anziani.

Riferimenti

  1. Bazan NG, Musto AE, Knott EJ. Endogenous signaling by omega-3 docosahexaenoic acid-derived mediators sustains homeostatic synaptic and circuitry integrity. Mol. Neurobiol. 2011;44:216-222.

  2. Moriguchi T, Greiner RS, Salem N Jr. Behavioral deficits associated with dietary induction of decreased brain docosahexaenoic acid concentration. J. Neurochem. 2000;75:2563-2573.

  3. Stonehouse W, Conlon CA, Podd J, et al. DHA supplementation improved both memory and reaction time in healthy young adults: A randomized, controlled trial. Am. J. Clin. Nutr. 2013;97:1134-1143.

  4. Bauer JE, Heinemann KM, Bigley KE, et al. Maternal diet alpha-linolenic acid during gestation and lactation does not increase docosahexaenoic acid in canine milk. J. Nutr. 2004;134:2035S-2038S.

  5. Simon H, Scatton B, LeMoal M. Dopaminergic A 10 neurons are involved in cognitive functions. Nature 1980;286:150-151.

Russ Kelley

Russ Kelley

Dopo essersi laureato all’Auburn University nel 1997, Russ Kelley è entrato in Iams Company, dove ha condotto ricerche sulla nutrizione materna e neonatale Scopri di più

Altri articoli di questo numero

Numero 32.1 Pubblicato il 06/07/2022

Sfide chiave nella professione medico veterinaria

Il mondo è pieno di sfide quotidiane per la professione medico veterinaria, e può essere utile capire che ciò è condiviso dai nostri colleghi, ovunque si trovino; comprendendo le sfide che tutti noi dobbiamo affrontare possiamo lavorare insieme in modo mutuale.

A cura di Cara McNeill e Ewan McNeill

Numero 32.1 Pubblicato il 22/06/2022

Come prevenire i problemi comportamentali nei cuccioli

Molti proprietari scelgono un cucciolo per i motivi più sbagliati, ma Jon Bowen identifica alcuni fattori chiave che possono aiutare un cucciolo a diventare un membro importante della famiglia.

A cura di Jon Bowen

Numero 32.1 Pubblicato il 08/06/2022

Fasi dello sviluppo felino

Comprendere le varie fasi dello sviluppo di un gattino è la chiave per consigliare ai proprietari i modi migliori per interagirci, come descrive Kersti Seksel.

A cura di Kersti Seksel

Numero 32.1 Pubblicato il 01/06/2022

Comportamento materno nella cagna

Il comportamento materno svolge un ruolo importante nella sopravvivenza dei cuccioli durante le prime settimane di vita, e può avere anche un effetto a lungo termine sullo sviluppo cognitivo. Questo articolo offre alcuni spunti e suggerimenti che potrebbero aiutare il medico veterinario a gestire i neonati.

A cura di Natalia Ribeiro dos Santos